Meno due alla chiusura del mercato. Auteri chiede più attaccanti. Intanto domani c’è il Teramo

Sport & Motori

Mancano due giorni alla fine del mercato ed il Bari serra le fila in vista del gong finale. Auteri è deciso a rinforzare l’attacco piuttosto che altri reparti (forse a centrocampo occorrerebbe un altra pedina, quattro sono ragionevolmente pochi), e con la disposizione della Lega che prevede l’allargamento a 24 elementi più un giovane professionista del 2001, lo spazio si è allargato di tre elementi ancora, dando per scontate le partenze di Hamlili, Esposito e Neglia, quest’ultimo richiesto dal Catania e dal Carpi, mentre per Hamlili, sfumata la possibilità di accasarsi in Piemonte presso l’Alessandria, si sono fatte avanti un paio di società del girone A. Per Esposito, invece, occorrerà trovargli una sistemazione a tutti i costi.

Auteri, dunque, vuol dare maggior vigore all’attacco con almeno altri due giocatori così da arrivare a sette elementi anche se, per il tecnico, sono ancora insufficienti in quanto la sua idea di calcio prevederà sempre l’impiego di tre attaccanti, due ali ed un centravanti, e poi per dare il tempo necessario a Simeri di rimettersi a posto dal momento che Auteri considera l’attaccante napoletano un patrimonio cui non si può rinunciare, ed anzi, nei prossimi giorni lo stesso calciatore si troverà a discutere le prolungamento del contratto che è in scadenza nel 2021. Sicuramente Simeri non sarà convocato contro il Teramo a causa di un risentimento muscolare, né si profila un suo impiego nelle due trasferte che seguiranno, quella a Cava de’ Tirreni e a Viterbo.

Romairone, compreso il messaggio dell’allenatore, si muoverà di conseguenza. Uno degli identikit monitorati, come scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, è Adriano Montalto della Cremonese che potrebbe essere il vice Antenucci. Un altro nome circolato nella giornata di ieri porta a Giuseppe Borello del Crotone anche se lo scorso anno ha militato nel Cesena, ma le parti sembrano distanti.

In difesa il Bari continua a corteggiare Michele Fornasier del Parma ma la trattativa appare di difficile attuazione, mentre meno complicata, ma pur sempre di coefficiente di difficoltà alto, è quella che porterebbe a Marco Chiosa, un giocatore che è già transitato da Bari nel 2013. Altri due tentativi sono stati fatti bussando proprio al Teramo che conducono a Matteo Piacentini, difensore che può giocare sia come centrale destro, sia al centro, e a Salim Diakitè, del Mali ma col passaporto francese, terzino sinistro.

Col Teramo, oltre Simeri, dovrebbe segnare il passo anche D’Orazio a causa di un problema muscolare contratto domenica scorsa a Francavilla Fontana. Pronto Andreoni a sostituirlo con Ciofani sull’altro lato. Torneranno titolari Frattali, Sabbione, Bianco, uno tra Di Cesare e Perrotta, Marras ed Antenucci, mentre Maita e D’Ursi, verosimilmente, saranno confermati.

Massimo Longo