Festa San Michele Arcangelo a Gravina

Arte, Cultura & Società

Come da comunicazione della Diocesi di Acquaviva, Altamura, Gravina in Puglia, da parte dell’Arcivescovo Mons Giovanni Ricchiuti, quest’anno la Festa patronale di San Michele Arcangelo in tempo di covid 19,  è stata organizzata in pellegrinaggio della effige del Santo nelle varie Parrocchie della città.

A conclusione di detto pellegrinaggio , Martedì 29 Settembre 2020 sono previste le Sante Messe alle ore 8,30; 10,30; 12,oo; presso la Basilica Cattedrale.

Alle ore 19,oo in piazza Benedetto XIII è attesa la celebrazione Eucaristica presieduta dall’ Arcivescovo Mons Giovanni Ricchiuti, seguirà la cerimonia tradizionale di consegna delle chiavi della città al Santo, cerimonia sentita particolarmente da parte della comunità.

San Michele Arcangelo, è annotato in una bolla pontificia di Papa Clemente X , da tempo immemorabile clero e popolo della città di Gravina in Puglia, venera e considera San Michele Arcangelo, Protettore e Patrono della città, per aver protetto il popolo dalla peste, che falcidiava tanta umanità nel 1654. E quando i terremotati che nel 1722 per sei mesi continui questa città scuotevano, con patrocinio di detto glorioso San Michele Arcangelo fu esente da ogni danno.

Il 29 settembre, l’occasione per formulare gli auguri di Buon Onomastico a tutti coloro di nome Michele, Arcangela/o, Raffaele/lla, Gabriele.

In tale occasione, sono state organizzate a Gravina delle varie mostre, ingresso libero,  presso l’Archeoclub Via Matteotti , nel centro storico di Gravina, l’ Arte a confronto della pittrice Antonella D’Ecclesiis, Anna Cirasola  di Gravina e Donato Fiorino di Altamura.

E’ possibile visitare, gratuitamente la sede di MurgiaLab di Michele Capone, incontrare l’artista delle cola cola Gianni Sornatale e Salvatore Barbara.

Il centro storico di Gravina, oltre alla bella Cattedrale, la biblioteca Fynia, le varie mostre presso la Chiesa del   Purgatorio , il museo civico, la Fondazione Ettore Pomarici Santomasi, ci sono diversi B&B, dalle 4 fontane di Lina Tarantina, dove è possibile visionare tutto il centro storico di Gravina fino alla zona di San Michele delle Grotte, con vari ristoranti panoramici, Zia Rosa, Mamma Mia, varie pizzerie con prodotti tipici agroalimentari.

L’invito a tutti di rispettare le norme previste di sicurezza anticovid 19 .