Serena Grandi scioccata: “L’ho saputo dai giornali!”

Eventi, Musica & Spettacoli

Serena Grandi è stata condannata a due anni e due mesi per il fallimento del suo ristorante a Rimini. L’attrice ha commentato la notizia dicendosi scioccata per quanto successo.

Dopo il pignoramento dei beni, Serena Grandi è stata condannata a due anni e due mesi di carcere dal tribunale di Rimini per il fallimento del suo ristorante (“La locanda di Miranda”), distrazione di beni strumentali della sua società (Donna Serena srl) e irregolarità dei libri contabili. L’indagine sarebbe partita dopo la denuncia fatta dai dipendenti del ristorante, che non avrebbero percepito lo stipendio.

L’attrice ha commentato la vicenda a La Repubblica dicendo: “Ho saputo della condanna dai giornali locali, non ho ricevuto nemmeno l’avviso di presentarmi in tribunale per difendere la mia posizione, i miei beni. Sono disgustata da questa giustizia”.

Serena Grandi

Fonte Foto: https://www.instagram.com/serena.grandi/?hl=it

La Grandi condannata per bancarotta

Più volte Serena Grandi ha rigettato le accuse mosse nei suoi confronti dal tribunale di Rimini, che alla fine l’ha condannata a due anni e due mesi di reclusione per la bancarotta del suo ristorante. A La Repubblica l’attrice ha raccontato che la gente avrebbe smesso di venire al suo ristorante a due anni dall’apertura, quando sarebbe uscito il film premio Oscar La Grande Bellezza (dove lei aveva un piccolo ruolo). Secondo la Grandi si sarebbe trattato dunque di un fallimento dovuto alla “gelosia” delle persone del luogo:

“Abbiamo aperto nel 2013, lo consideravo il mio buen retiro, (…) poi – guarda caso – quando è iniziata a circolare la voce che “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, dove ho un piccolo ruolo ma impegnativo e importante, era candidato agli Oscar, la gente ha smesso di venire a cena da noi”, ha affermato l’attrice.

Per quanto riguarda il mancato pagamento ai dipendenti la Grandi ha invece replicato: “La paga era settimanale, non ho retribuito solo gli ultimi sette giorni, per il resto hanno avuto tutto il dovuto”, ha affermato, e a seguire, sull’accusa di non aver presentato i libri contabili, l’attrice ha replicato di esser stata lei in prima persona a denunciarne la scomparsa.

La Grandi avrebbe consegnato i documenti a quello che sarebbe stato un possibile acquirente del locale fallito, che a sua volta li avrebbe dati a un suo dipendente con la promessa di restituirli all’attrice. Questo però non sarebbe accaduto: “Ha affermato che pioveva e che il ragazzo li  buttati in un cancello, tra il grattacielo di Rimini e Marina. Sono andata di persona a cercarli in tutti i cortili della zona, non ve ne era traccia. È agli atti anche questo”, ha detto a La Repubblica.

Nel 2003 l’attrice è stata temporaneamente arrestata per un presunto coinvolgimento in un caso di droga, ma a seguire è stata prosciolta dalle accuse. Questa volta Serena Grandi ha fatto sapere che ricorrerà all’appello.

Fonte Foto: https://www.instagram.com/serena.grandi/