San Giovanni Rotondo: nominato il referente in materia di prevenzione e lotta al randagismo

Cronaca

L’incarico, che non comporterà alcun onere per il bilancio del comune, è stato affidato al dott. Alberto Valente Pietroboni

Tante sono le criticità in tema di randagismo e corretta detenzione degli animali d’affezione. Criticità dovute ad una cattiva gestione e ad un parziale e scorretto interesse verso questi temi negli anni precedenti su questo territorio. Per ovviare a ciò, anche grazie all’indirizzo della recente legge in materia di randagismo, emanata dalla Regione Puglia, il Comune di  San Giovanni Rotondo vuole segnare un ulteriore passo nella presa di coscienza di un altro problema tangibile ed importante di questa terra, che richiede di essere affrontato e combattuto con i giusti mezzi e con una collaborazione sinergica tra tutte le forze in campo, ognuna per le proprie competenze, come legge prescrive. Per questo, si è provveduto alla nomina del Referente comunale in materia di prevenzione e lotta al randagismo, affidando l’incarico al dott. Alberto Valente Pietroboni.

«Un altro tassello è stato aggiunto alla città normale – . ha commentato il sindaco Michele Crisetti – Ho ritenuto opportuno arricchire la nostra amministrazione con questa figura che dovrà coordinare le iniziative idonee e necessarie per la prevenzione e lotta al randagismo sul territorio comunale, insieme con tutti i soggetti coinvolti, gestendone i rapporti necessari».

«L’incarico è stato affidato a titolo gratuito e non comporta alcun onere per il bilancio del Comune. Anzi, le casse comunali potranno trovare ulteriore beneficio e sollievo attraverso le attività di controllo sui cani padronali, riducendo le presenze dei cani ospitati nella struttura comunale (per cui rinnovo il mio invito ad adottare) e limitando gli ingressi nella stessa struttura, attraverso attività di prevenzione e controllo sul territorio» ha concluso il primo cittadino.