Turismo delle radici, Puglia: tra torri e castelli nei luoghi di Federico II

Ambiente & Turismo

LECCE – Tra i tanti possibili (e meravigliosi) itinerari offerti dalla Puglia c’è quello, tra torri e castelli, legato all’impronta indelebile lasciata su queste terre da Federico II, “Stupor Mundi”. Dal grande Palatium di Lucera al Castello ducale di Bovino, dal Castello Svevo di Vieste a picco sul mare al maniero di Monte S. Angelo, per restare nel foggiano. Scendendo più a sud, Castel del Monte, il Castello Normanno-Svevo di Bari, quello di Gioia del Colle, sede del Museo archeologico nazionale: qui, secondo una narrazione al confine tra storia e leggenda, visse Bianca Lancia, amante di Federico II e madre di Manfredi, che partorì nella Torre dove fu segregata a causa della gelosia dell’imperatore.

Nella pietra sono incise due rotondità, la tradizione vuole che siano i seni che Bianca si tagliò e inviò su un vassoio a Federico, insieme al neonato Manfredi. Nel fantastico borgo medievale di Oria, in provincia di Brindisi, si può ammirare invece lo splendido castello dove Federico II celebrò le nozze con Jolanda di Brienne nel 1225, che rivivono ogni anno in un famoso corteo storico. Per non parlare del sito archeologico di Castel Fiorentino (in provincia di Foggia) con i ruderi del castello dove sarebbe morto l’uomo che per trent’anni fu a capo del Sacro romano impero. Un viaggio alla scoperta dei luoghi e delle architetture federiciane, immersi in una natura che fu teatro della caccia con il falco, amatissima da Federico II.

COME ARRIVARE: In Puglia ci sono due aeroporti internazionali,  il “Karol Wojtyła” di Bari e il “Papola Casale” di Brindisi e Lecce. Le principali città pugliesi sono raggiungibili in treno.

ALTRI LUOGHI DA VISITARE: Dal Gargano al Salento, la Puglia è ricca di meraviglie architettoniche, artistiche e musei, grazie allo spettacolo offerto dai suoi borghi e dalle sue città d’arte, dal romanico al barocco.