Maria, la “maestra” del perdono

Cultura & SocietàDiritti & Lavoro

(commento al Vangelo della 24a Domenica del Tempo Ordinario)

Com’è difficile perdonare!

È difficile per noi uomini che lo consideriamo un dovere, un obbligo di coscienza, un grande sacrificio…

È difficile per Pietro che se ne è lamentato con Gesù chiedendoGli di porre un limite al perdono….”PER QUANTE VOLTE, SIGNORE?”

È difficile per chi ha le spalle cariche sotto il peso della sua croce, per chi ha l’animo angustiato da mille affanni, per chi ha il cuore sepolto dall’orgoglio…ma non per Lei…la Maestra di Perdono.

Lei, quel giorno, stava ai piedi di Gesù…a muovere nervosamente i passi di una folle danza, come impazzita, intorno a quel legno ruvido e insanguinato. Stava lì a raccogliere col Suo Amore di Madre quegli ultimi rantoli di dolore… stava lì inerte, a guardare come la vita, pian piano, abbandonava il corpo di Suo Figlio…

Maria, la Madre di Gesù, quel giorno, stava lì, presso la Croce a soffrire e a perdonare 70 volte 7 ed oltre…. Come un fiore, che, calpestato con ferocia, ancora spande il suo profumo.

#StabatMater

#ilGiornoDellAddolorata

Marianna Giuliano