Il Bari si assicura per adesso tre giocatori. In via di definizione Celiento e De Risio

Sport & Motori

Lo scrivevamo da Cascia, due giorni prima della fine del ritiro, e così sta avvenendo. Circondato dalle verdi colline umbre, Romairone stava dirigendo il cantiere biancorosso portando avanti molte trattative che si sarebbero, poi, concretizzate una volta ritornati a Bari dopo l’antipasto relativo all’arrivo dei due giocatori in ritiro, Andreoni e Minelli.

Si scalda, dunque, il mercato per il Bari che sta concretizzando pressoché tutte le trattative messe in piedi da Romairone nel corso di questi giorni a partire dal ritiro di Cascia fino ad oggi. E non sarà stato un caso che l’abbiamo visto coi nostri occhi imperituro al telefono mentre percorreva avanti e dietro sulla linea laterale del terreno di gioco alla ricerca del colpo da mettere a segno.

Dunque Leonardo Candellone, Manuel Marras e Tommaso D’Orazio sono praticamente già del Bari. Candellone è già in città da mercoledì e, prima di potersi allenare, ha svolto tutta la trafila del protocollo sanitario, e prima di considerarsi ufficiale è necessario certificare il passaggio dal Torino al Napoli che, di conseguenza, lo girerà in prestito biennale al Bari, ma ormai siamo ai dettagli tanto che lo si può considerare a tutti gli effetti un nuovo attaccante biancorosso nonostante manchi ancora il nulla osta.

Ieri sera, poi, è arrivato nel capoluogo pugliese anche Manuel Marras che, come per Candellone, ha svolto l’iter protocollare sanitario, ed oggi, verosimilmente, firmerà il contratto che lo legherà al Bari con un triennale. Marras è un esterno offensivo molto rapido e dotato tecnicamente che può davvero fare la differenza. Molta gavetta da parte sua girovagando per l’Italia per poi approdare a Livorno dove si è concluso il suo contratto divenendo, di fatto, svincolato. E per il Bari è sicuramente un affare in quanto dovrà preoccuparsi del solo contratto e non di spendere soldi per acquistarlo da una società.

Anche Tommaso D’Orazio si legherà al Bari con un triennale essendo svincolato anche lui dal Cosenza. Dunque anche per lui si tratta di un affare.

Detto dei tre ormai formalmente del Bari, c’è da registrare un grosso passo in avanti circa la trattativa che dovrà portare in biancorosso i due giocatori del Catanzaro De Risio e Celiento, pupilli di Auteri che aveva richiesto di persona. Le distanze tra domanda ed offerta sono decisamente più alla portata, anzi si possono dare per definite, ed è molto facile che i due arriveranno a Bari nei prossimi giorni.

Per ciò che concerne le uscite necessarie ed inevitabili, come scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, manca la sola ufficialità per il passaggio alla Reggina di Folorunsho che, svincolatosi dal prestito al Bari, tornerà al Napoli che, a sua volta, lo girerà agli amaranto calabresi.

Anche Kupisz lascerà Bari definitivamente approdando sul golfo di Salerno. Mentre qualche riserva ancora c’è per quanto riguarda il trasferimento di Schiavone anche se tutto lascia intendere che il centrocampista si accaserà a Salerno.

Sempre aperto è il discorso tre Bari e Pordenone per il passaggio in Friuli di Berra e Scavone per il quale il Bari chiede espressamente Patrick Ciurria, ma le parti sembrano ancora distanti.

Mentre l’Entella di Chiavari ha chiesto ufficialmente Pippo Costa, mentre Neglia è corteggiato da mezza serie C (Lecco, Foggia, Juve Stabia, Fermana. Ravenna, Teramo le pretendenti). Infine il Perugia ha chiesto Simone Simeri ma la società barese lo ha dichiarato incedibile tanto che prolungherà il contratto che, al momento, scade nel 2021, contratto che verrà prolungato anche a Maita.

Massimo Longo