Punti Chakra

Benessere & Medicina

La definizione di CHAKRA, giunta a noi grazie ai Veda, realmente sarebbe “cerchio”, “disco”, possiamo quindi visivamente immaginare dei piccoli globi situati in 7 punti del corpo. Questi, sono dei centri energetici attraverso i quali scorre il Prana ovvero,  quella forma energetica che ci permette di connetterci con l’Universo.

Ognuno dei 7 Chakra possiede comunque delle peculiarità che possono essere stimolate usando suoni, simboli, colori e respirazione, ed è attraverso queste stimolazioni che si può influenzare la parte Mentale, Spirituale o Corporea dell’organismo, il Triplice Equilibrio.

Il primo Punto Chakra, MULADHARA, di colore rosso, viene rappresentato come un fiore di loto a quattro petali e si trova alla base della colonna vertebrale, più precisamente nella zona del perineo. Rappresenta il sostegno, le radici, il “diritto di esserci”, quella spinta a realizzarci in ciò che siamo o che vorremmo essere.

Il secondo Punto Chakra, SVADHISTANA di colore arancione, è il loto a sei petali. Situato sotto all’ombelico, quindi tra l’addome e la parte pelvica, Svadhistana è il “diritto ad emozionarci” perché per nessun motivo dovremmo mettere da parte i nostri sentimenti, ma bensì essi andrebbero espressi e valorizzati in ogni momento.

Il terzo Punto MANIPURA ha il colore giallo e possiamo raffigurarlo come un fiore di loto con dieci petali; lo troviamo nella zona tra plesso solare e ombelico e lì possiamo proiettare il “centro del potere”, ossia la capacità di autodefinirci, di esprimere la nostra personalità

Il quarto Punto ANAHATA, il verde fiore dai dodici petali si trova al centro del petto ed è quello che ci dona il “diritto di amare”, amare, essere amati ed amarci incondizionatamente.

Il quinto Punto è VISHUDDA di colore indaco è rappresentato con un fiore di loto da sedici petali che troviamo all’altezza della gola. Questo Chakra è il “centro dell’espressività” dal quale ci viene dato il diritto di dire ed ascoltare la verità

Il sesto Chakra AJNA color viola figurabile come un loto a due petali è forse il più conosciuto tra i sette, situato al centro della fronte, il famoso “terzo occhio” ci permette di comprendere le verità nascoste, cercando di vedere anche all’interno di noi stessi dobbiamo svegliare la coscienza e abbandonare l’illusione al fine di liberarci da ogni tipo di falsità

L’ultimo Punto Chakra SAHASRARA il loto dai mille petali. Il colore è viola chiaro e lo abbiamo nella zona della fontanella. Da Sahasrara riceviamo il “diritto ad imparare” il diritto di avere una corretta informazione che ci renda in grado di identificarci con tutto ciò da cui siamo circondati.

Come dicevamo all’inizio, ogni Chakra è un punto di scorrimento energetico e come tale deve essere sempre mantenuto attivo in modo che l’energia passare, essere assimilata ed arricchita per trovarci sempre in armonia con l’intero Universo.