La falsa ripartenza

Cronaca

Questo lo capiscono benissimo anche molti genitori che si stanno organizzando in proprio ben sapendo che un secondo anno perso segnerà inevitabilmente il futuro dei figli, ma se tutto va bene il governo è in grado di fingere un funzionamento scolastico fino all’interruzione per la tornata elettorale, tanto che alcune regioni hanno rinviato la “non apertura” a dopo le regionali così da togliersi subito il pensiero. D’altro canto le cose sono semplici nella loro estrema gravità: man mano che arrivano i conti da pagare, che si scopre l’inettitudine del ceto politico occorre far rialzare la testa al Covid in maniera da rinnovare  i la paura e dunque l’acquiescenza nei confronti di chi ci sta distruggendo. Per quanto possa sembrare assurdo la tenuta del sistema potrà essere affidata solo a una recrudescenza narrativa della pandemia, naturalmente servendosi delle già sperimentate manipolazioni. Un gioco facile in assenza di una vera opposizione.  Per ora hanno allentato la stretta per ragioni elettorali, fanno intendere che tutto è pronto per la ripartenza ma sono prontissimi a richiudere il cappio, perché oramai più il Paese soffoca nelle menzogne e più respirano i responsabili.

Di ilsimplicissimus