Bari – Oggi è la volta del centrocampo, con un finale musicale

Sport & Motori

Foto SSC Bari

Ieri la Gazzetta del Mezzogiorno ha analizzato quello che è il reparto dell’attacco con tutte le sue sfaccettature. Oggi il quotidiano barese analizza il centrocampo che sarà.

Dei 25 elementi che stanno effettuando il ritiro a Cascia, saranno in parecchi a dover abbandonarlo. A cominciare da Kupisz, su cui c’è un concreto interesse della Salernitana, passando per Nannini, Bolzoni e Esposito, e finendo a Neglia (la Juve Stabia è interessata a lui).

Esiste, tuttavia, un altro gruppo di giocatori che usufruiranno del ritiro per convincere Auteri a rimanere nel Bari. A cominciare da Ciofani (richiesto dal Catanzaro), da Berra, richiesto dal Pordenone, da Corsinelli (ne è interessato il Monopoli) e Terrani.

E poi ci sono i centrocampisti Hamlili, Maita, Folorunsho, Bianco, Schiavone e Scavone. E di questi sei almeno la metà dovrebbe partire, anzi forse anche qualcuno in più dal momento che Auteri ha richiesto espressamente Carlo Di Risio dal Catanzaro, una trattativa avviata e che sta a buon punto. Maita, che è pure un ex pupillo del tecnico, non ha il posto assicurato dal momento che in sede di presentazione, il tecnico siciliano disse di lui che “da lui voglio molto di più, se compie il salto di qualità ci potrebbe dare una grande mano”, come a dire, se fai ciò che mi aspetto rimani altrimenti vai via. E, dunque, nemmeno lui ha il posto garantito. Stessa sorte per Hamlili, che può disimpegnarsi da centrale e da mezzala e che, quanto a corsa, dinamismo ed intensità, non ha avversari nonostante il fresco prolungamento di contratto fino al 2022. Anche Bianco gli segue a ruota che, tuttavia, quanto a personalità non ha eguali e proprio per questa caratteristica, il centrocampista napoletano intende convincere Auteri. A Schiavone, che ricopre più zone del campo, piace giocare da di regista, ruolo che Auteri non prevede nel suo modulo. Poi c’è Folorunsho che, come è noto, possiede forza, progressione ed un gran tiro dalla distanza, ma il dubbio se doverlo adattare da centrale essendo, lui, una mezzala, potrebbe far si che vada anch’egli. Del resto non gli mancano i pretendenti che sarebbero disposti a mettere sulla bilancia tanti soldi pur di aggiudicarselo. Infine c’è Scavone, un altra mezzala che potrebbe avere qualche difficoltà a giocare da mediano, tra l’altro lo scorso campionato non ha reso come ci si aspettava, pertanto anche per lui la riconferma non è affatto assicurata.

Ieri pomeriggio -così come riporta il sito della società – in una giornata tipicamente autunnale, è arrivato in ritiro il Presidente Luigi De Laurentiis che si fermerà fino a termine ritiro, ovvero fino all’8 settembre ,per star vicino ai ragazzi e per poter seguire la preparazione, un modo per dimostrare quanto ci tiene a questa squadra.

Si son visti anche i primi tifosi che non hanno fatto mancare il proprio sostegno in occasione della prima seduta tattica mattutina.

L’allenamento pomeridiano è comminato con un lavoro di mobilità articolare in palestra e poi sul campo, quindi, a seguire, una seduta tattica, e sul finale una lunga intensa parte atletica sui 300, 100 e 50 metri.

Oggi è in programma una mezza giornata di riposo. Si riprenderà nel pomeriggio alle ore 17,15.

In serata, nel frattempo, per stemperare l’atmosfera, si è assistito ad un duetto “cantautori” tra Perrotta che ha suonato la chitarra, ed Auteri., cantante, ed insieme si sono esibiti in canzoni Battisti e Venditti.