Sogno di un faggio

Cultura & Società

Stridore di stelle
cadenti
t’acquieti silente
nell’ostro d’oriente
Il buio mannaro
ti sfiora all’addiaccio
non piange la foglia
aerea si posa
e il muschio di seta
t’abbraccia la scorza
Così anch’io
abbraccio il tuo viaggio
Che sogni, amico mio faggio?
Un nido di bachi danzanti
o tarli dorati ubriachi?
La giostra notturna d’assioli?
Che sogni? Puoi dirlo, ti prego.
Intanto bulbose le braccia nel suolo
catturano rocce
fermentano vita perenne
nel sonno del bosco
T’abbraccio di slancio
mi lancio nel verde
ti stringo più forte
la scorza mi è pelle

Vincent Van Gogh – Trees in the Garden in Front of the Entrance to Saint-Paul Hospital