Montecassino, faro di civilta’

Cultura & Società

E’ vero, i contesti mutano nel tempo, anche per Montecassino:  i monaci, per esempio, scendono di numero anno dopo anno e tale realtà è motivo di labilità nella esistenza dell’abbazia: al di sotto di un certo numero, dodici mi pare, si innestano frangenti delicati che possono portare anche alla chiusura del Monastero, come è accaduto recentemente alla Certosa di Trisulti e ad altri cenobi in Italia. Per altri monasteri il contesto  è meno delicato in quanto ora avviene che le vocazioni aumentino in Africa e Bangladesh e nei paesi dell’Est, per uomini e donne, e quindi vi è un sensibile ricambio e intervento, come si vede in giro. Ma per i benedettini tali presenze non sono previste perché, secondo la Regola di San Benedetto, tutto deve sgorgare e originare dalla comunità.

Montecassino è un unicum nella storia della chiesa ma è, ancora di più, un unicum nell’Occidente e suo primo e primario patrimonio. In questi ultimi decenni, pur sotto il peso di certe realtà, i santi e capaci abati hanno trovato intelligentemente il modo di sopravvivere e di consolidare la immagine. In questi ultimi anni, al contrario, papa Ratzinger e papa Francesco, invece di favorire e sopperire, hanno apportato mutamenti e trasformazioni così radicali e clamorosi nella vita di Montecassino  tanto che la sua fisionomia secolare ne è stata sconvolta e scompaginata: l’abate Bernardo, segretario e abate per quarantanni,  trasferito d’imperio a vescovo di Gaeta, a essere uno di  mille, come mai successo nella vita del monastero; successivamente o a seguito delle vicende personali dell’ultimo abate è stata ottenuta, anche ora d’imperio, la soppressione immediata della Diocesi e in ultimo, anche d’imperio, chiamato a fungere da abate un benedettino da altro monastero. In merito a tali provvedimenti letteralmente rivoluzionari emessi dall’alta gerarchia vaticana, vanno ribaditi due principi incontestabili e significativi: per primo, Montecassino è al di sopra di tutto e di tutti, al di sopra quindi anche delle gerarchie vaticane: le gerarchie passano, Montecassino non passa: succisa virescit (anche se mi tagli, mi rigenero) è il motto e, per secondo,  non sono i doveri di obbedienza e/o altri ai quali i monaci sono vincolati  che possono alterare la sua unicità al di sopra di tutto e perciò giustificare e rendere accettabili i provvedimenti di cui sopra, piombati dall’alto, senza appello! Ben altro merita Montecassino, ben altro gli è dovuto.

Invero ricordato quanto Montecassino ha rappresentato nella storia dell’Occidente e  rappresenta e non solo per i tanti monasteri ancora in vita, è arduo ad ammettere che possa esserci qualcuno o qualcosa a esso superiore, anche gerarchicamente, alla luce di siffatti eventi! San Benedetto dichiarato Patrono d’Europa è conferma evidente del significato eccelso e superiore. La Diocesi era creatura di Montecassino da secoli e secoli: dieci? Quindici? Tanto che essa è nota, da sempre, come Terra Sancti Benedicti. A parte motivazioni e spiegazioni, ci si sarebbe aspettato ragionevolmente che le gerarchie avessero favorito e promosso, anche imposto, altri tipi di intervento, ma da parte di Montecassino stesso e non da fuori,  alla soluzione/miglioramento della situazione, sempre ammesso che ne avessero avuto il diritto, non quello canonico bensì quello di fronte alla storia!  Perciò privare l’Abbazia della diocesi secolare è stato un solenne arbitrio -io dico: sopruso- che fa pensare a chissà quali motivazioni alla base. In effetti nel frangente delicato della rimozione di Don Bernardo, delle vicende personali dell’ultimo abate, della scarsezza di  monaci, tutti ci saremmo aspettati interventi collaborativi e di sostegno di ben altra natura da parte delle gerarchie, quali appunto il ruolo basilare e universale dell’Abbazia impone ed esige e non quelli distruttivi messi in atto. E la presenza di un nuovo abate, maturo e saggio, dom Donato Ogliari, da altra sede, è la riprova che, anche se non trova corrispondenza nella Regola Benedettina, comunque da salutare quale intervento appunto costruttivo di sostegno e di collaborazione.

E’ un fatto che questi capovolgimenti  abbiano poco sensibilizzato e toccato i fedeli della diocesi almeno in apparenza, tuttavia siamo certi che resipiscenza e consapevolezza dell’accaduto si stanno facendo strada.  Quanto invece resta la stella polare universale, oggi e sempre,  è  l’insegnamento e l’opera di San Benedetto quali  fondamento della civiltà e della cultura occidentali, all’insegna del celebre motto: ora, labora et lege. Perciò un faro di civiltà, che vive di vita propria, che conserva in sé la propria vita e il proprio destino, a illuminare il mondo e irradiare la sua luce, in questi tempi  soprattutto: gli addetti hanno solo l’obbligo  di dargli un pò di olio!

Michele Santulli