Donare il sangue in estate

Benessere & MedicinaCronaca

Domani al centro trasfusionale del Di Venere l’iniziativa promossa dall’Ordine degli Avvocati e dalla Fratres

BARI – È stato presentato questa mattina, a Palazzo di Città, l’appuntamento organizzato dalla Fratres di Bari in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Bari per promuovere un pomeriggio di donazione straordinaria del sangue.

Domani, giovedì 6 agosto dalle ore 14.30 alle 17, tutti gli iscritti al’Ordine e tutti i cittadini interessati sono invitati a donare il sangue presso il Centro trasfusionale dell’Ospedale Di Venere.

“Siamo qui per presentarvi la seconda edizione di questa importante manifestazione, che l’amministrazione comunale è orgogliosa di sostenere in collaborazione con la Fratres e l’Ordine degli avvocati di Bari – ha esordito l’assessore Vito Lacoppola -. Un appuntamento fondamentale per aiutare i presidi ospedalieri a superare una fase di emergenza che, sebbene si presenti puntualmente ogni estate, quest’anno è particolarmente grave anche a causa degli effetti dell’emergenza sanitaria. Chiedere alla città di donare il sangue rientra tra i nostri doveri di professionisti che si interfacciano quotidianamente con tutti i cittadini per ascoltarli e per aiutarli”.

“Ringrazio, a nome del Consiglio dell’Ordine, l’amministrazione comunale e la Fratres per averci coinvolto anche quest’anno in questa straordinaria iniziativa, che esalta la funzione sociale dell’avvocato confermando che il nostro ruolo è quello di assistere i cittadini sempre, anche al di fuori dei luoghi della nostra attività professionale – ha proseguito il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari Giovanni Stefanì –. Oggi più che mai dobbiamo creare una sinergia tra le varie componenti della società per lanciare un messaggio che promuova la cultura della donazione. È il nostro ordinamento, tra l’altro, a ricordarci che abbiamo il compito di interfacciarci con le istituzioni locali al fine di garantire la tutela dei diritti fondamentali dei cittadini, primo tra tutti quello alla salute. Dopo l’emergenza sanitaria vissuta, è ancora più importante promuovere momenti di generosità e solidarietà nei confronti di chi ne ha bisogno. Un impegno, questo, che vorremmo confermare anche per il futuro, proseguendo nella collaborazione con l’amministrazione comunale e con la Fratres”.

“Ringrazio il sindaco per aver avuto la sensibilità di considerare una condizione grave come quella dell’emergenza sangue – ha dichiarato Loredana Battista, consigliera incaricata del sindaco per le politiche di contrasto all’emergenza sanitaria trasfusionale -, che quest’anno ci troviamo ad affrontare in misura ancor maggiore perché siamo in emergenza post Covid-19. Il virus, infatti, ha creato molte difficoltà anche ai donatori abituali, che negli scorsi mesi, spaventati dall’idea di dover raggiunger i centri trasfusionali nel pieno dell’emergenza, non hanno donato come al solito. Mi piace ricordare che la donazione del sangue è uno stile di vita, un gesto di altruismo egoistico, come lo chiamiamo noi, che permette anche di effettuare medicina preventiva in quanto consente ai donatori di accorgersi di patologie misconosciute. Mi auguro che domani siano in tanti a partecipare attivamente a questo appuntamento per contribuire a risolvere una situazione che rischia di diventare drammatica”.

“In questi giorni ho avuto diverse occasioni per confrontarmi con i relatori presenti – ha sottolineato l’assessora Francesca Bottalico -, visto che dai presidi ospedalieri arriva forte l’allarme sull’emergenza sangue. Per questo è fondamentale lavorare insieme per diffondere la cultura della donazione, affinché la sensibilità su questo tema non si limiti ad eventi particolari ma diventi una sana abitudine, uno stile di vita, come diceva giustamente la dottoressa Battista. Nelle scorse settimane ho raccolto la disponibilità di diverse comunità presenti nella nostra città che desiderano offrire il proprio contributo alla soluzione dell’emergenza: questo dimostra che esiste una dimensione del ricevere e del donare che ci riguarda tutti. Tutti possono donare il sangue, donare un po’ di sé a chi ne ha bisogno, perché il sangue è una ricchezza che ci accomuna rendendoci tutti uguali. Ricordo a chi non potesse aderire all’appuntamento di domani che è sempre possibile donare in tutti i presidi ospedalieri della città”.

“In questi ultimi anni abbiamo promosso molte iniziative di sensibilizzazione alla donazione del sangue – ha ricordato il presidente della Commissione Culture Giusi Cascella – . Da oggi, grazie alla presenza della figura del delegato del sindaco alle politiche di contrasto all’emergenza sanitaria trasfusionale, potremo coordinare tutte le iniziative future creando donazioni più significative anche in termini numerici. La dottoressa Battista sarà un vero e proprio trait d’union tra l’amministrazione comunale, le associazioni e i cittadini. Da medico di medicina generale, ci tengo a testimoniare con forza il valore della donazione anche in chiave di medicina preventiva”.

“Sento di ringraziare l’amministrazione comunale e l’Ordine degli Avvocati per questa iniziativa, che domani avrà la sua seconda edizione – ha sottolineato Roberto Nacci, presidente del Gruppo Fratres del Salvatore Loseto -. Colgo l’occasione per sottolineare il dato che vede la città di Bari scontare un basso indice donazionale rispetto, ad esempio, alla provincia. Ovviamente non è questo il contesto per un’analisi delle cause del fenomeno, quello che mi preme, invece, è poter lavorare insieme, nei prossimi anni, attivando percorsi di sensibilizzazione nelle scuole primarie e secondarie che formino i nostri bambini e i nostri ragazzi alla cultura della donazione, in modo che i neomaggiorenni del futuro siano consapevoli del valore e dell’importanza di un gesto semplice come quello di donare il sangue. Vorrei che nei prossimi anni Bari, che tanto sta crescendo su altri fronti, potesse raggiungere l’indice medio delle grandi città europee anche nei numeri delle donazioni”.

All’incontro con la stampa hanno partecipato anche il presidente provinciale della Fratres Giacinto Giorgio e il consulente sanitario della Fratres Vito Pesce.

Di seguito i numeri telefonici da contattare per chi voglia donare il sangue negli ospedali baresi:

  • Ospedale Di Venere: 080/5015999 (ore 08.00- 20.00)
  • Ospedale San Paolo: 080/5843618 (mattina) e 080/5843581 (pomeriggio)
  • Policlinico: 080/5593304 (ore 08.00- 13.00).