A Martina Franca al via il Laboratorio Puglia firmato da Stefano Callegari: sapori gourmet e senza capolarato

Diritti & LavoroEnogastronomia & Cucina

E per chi ama la buona tavola, ora le “capitali” sono diventate tre. Roma, caput mundi anche della cucina. Milano, cuore economico del Belpaese e dei suoi sapori. E la Valle d’Itria, quel fazzoletto di vigne – trulli – ulivi dove accoglienza e saperi dell’arte enogastronomica si fondono. Qui, sull’asse fra Noci, regina del buon mangiare, e Martina Franca, elegante salotto della Valle d’Itria il celebre Stefano Callegari che vanta “Tre Spicchi Gambero Rosso” completerà il suo “Laboratorio Puglia”. Di che si tratta? Possiamo anticipare solo che poggia i suoi pilastri sulla grande varietà di produzioni tipiche pugliesi, scelte con un occhio gourmet e l’altro sul sociale.

No al caporalato, porte aperte alle aziende agroalimentari al femminile, olio extra vergine artigianale e premiatissimo. Dopo Roma, Noci e Martina, la prossima apertura in Italia sarà Milano. Nel piatto la collezione di sapori del mondo, fino alla costosissima pizza al caviale, che Stefano Callegari ha sperimentato nella sua “prima vita” da stewart e poi perfezionato per il piacere dei suoi ospiti affezionatissimi. Tutto il resto in 25 declinazioni di Sua Maestà la pizza, lo illustrerà ai suoi graditi ospiti Stefano Callegari in persona.