Grotte di Castellana, hell in the cave riparte in sicurezza Con la collaborazione dell’Irccs “De Bellis”

Cronaca

Sabato 25 luglio riaprono le porte dell’Inferno di Dante nelle grotte 

CASTELLANA GROTTE – Ripartire in sicurezza dando un forte segnale per un settore, quello dello spettacolo, fra i più colpiti dalle restrizioni Covid. Con questo obiettivo e con l’intento di proseguire una sinergia già attiva da anni, Grotte di Castellana srl, Hell in the Cave e IRCCS “Saverio de Bellis” hanno attivato in questi giorni una collaborazione per il riavvio dello spettacolo ispirato alla Divina Commedia, che sarà nuovamente in scena sabato 25 luglio nella caverna della Grave (botteghino 20:15 – inizio spettacolo ore 21:00).

Oggetto della collaborazione la possibilità per tutto il cast e lo staff dello spettacolo sull’Inferno di Dante di sottoporsi presso l’istituto di ricerca di Castellana Grotte al test sierologico che individua la presenza di anticorpi al Coronavirus, così che attraverso l’indagine possano individuare se sono entrati in contatto con il virus e hanno sviluppato anticorpi, anche in assenza di sintomi. Un ottimo strumento per ripartire in sicurezza, quindi, ma anche un modo per stimare la diffusione dell’infezione nella comunità. Fin dal suo esordio e ancora oggi, infatti, Hell in the Cave coinvolge uno staff tutto locale e un cast composto da giovani artisti emergenti pugliesi di nascita o di adozione.

“Questa collaborazione tra Grotte di Castellana, Hell in the Cave e IRCCS “de Bellis” si aggiunge alle varie iniziative che hanno legato le tre realtà in passato, come ad esempio La Notte Europea dei Ricercatori dello scorso settembre, e rappresenta un perfetto esempio di come fare rete sia la giusta strada per lo sviluppo e la promozione del territorio. Tale progetto, che vede il binomio “Arte e Scienza” coniugato in molteplici iniziative, ha trovato un’applicazione pratica proprio nel garantire la performance di tutti gli artisti di Hell in the Cave in assoluta sicurezza per loro e per gli spettatori” – ha commentato il direttore scientifico dell’IRCCS Gianluigi Giannelli.

“Si tratta di un ulteriore passo avanti dell’IRCCS “Saverio de Bellis” per soddisfare le esigenze della comunità di Castellana” – ha aggiunto il direttore generale dell’ente Tommaso Stallone.

In attesa della definizione del calendario completo di Hell in the Cave, riaprono ufficialmente le porte dell’Inferno nella Grave delle Grotte di Castellana, che si prepara a riaccogliere gli spettatori con qualche variazione e alcune regole in più da seguire per il contenimento del contagio da Covid-19, ma sempre con la priorità di proporre un’esperienza unica e indimenticabile.

I biglietti per assistere allo spettacolo sono disponibili sul circuito TicketOne o direttamente presso la biglietteria delle Grotte di Castellana. Ad un prezzo speciale, inoltre, è possibile acquistare il biglietto che combina nella stessa giornata la visita completa delle grotte allo spettacolo. Il biglietto combinato è acquistabile solo presso la biglietteria del sito turistico.

Maggiori informazioni e prenotazioni telefonando ai numeri 080.4998221 e 3391176722 o scrivendo a segreteria@grottedicastellana.it. Ulteriori notizie sullo spettacolo sono disponibili anche sui canali social ufficiali e sul sito www.hellinthecave.it.