Ok dal consiglio all’obbligo di farmacisti in Sert, istituti di ricovero e case di cura pubbliche e private

Diritti & Lavoro

BARI – È stato approvato oggi, dal Consiglio regionale della Puglia, un emendamento molto importante, proposto congiuntamente dal sottoscritto, dal collega Paolo Pellegrino e dal Presidente della III Commissione Consiliare, Pino Romano, finalizzato ad assicurare, presso gli istituti di ricovero, i servizi territoriali per il contrasto alle tossicodipendenze e le case di cura, pubbliche e private, che l’approvvigionamento, la conservazione e la distribuzione di farmaci avvenga sotto la responsabilità di personale farmacista in possesso di abilitazione professionale e iscrizione all’ordine.

Questa norma ricalca, sostanzialmente, una proposta di legge promossa dal sottoscritto nel giugno del 2018 e finalizzata proprio a regolamentare la distribuzione del farmaco nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, pubbliche e private. Sono molte, infatti, le realtà che non prevedono ancora la figura di un farmacista abilitato, indispensabile per seguire e verificare la terapia degli utenti, una funzione indispensabile per la sicurezza e l’appropriatezza della cura. Con la norma approvata oggi si va a colmare questa grave mancanza, prevedendo espressamente questa figura professionale negli istituti di ricovero, nei Sert e nelle Case di cura, pubbliche e private, in modo da assicurare una assistenza appropriata e sicura ai cittadini e favorire, allo stesso tempo, l’occupazione dei tanti laureati in Farmacia, pronti a prestare la loro attività al servizio di questi delicati contesti sociali.

Sono soddisfatto per l’approvazione di questa norma e ringrazio i colleghi Paolo Pellegrino e Pino Romano con i quali abbiamo condiviso questa iniziativa.

MINO BORRACCINO

ASSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO

REGIONE PUGLIA