Tu non conosci il sud – e la chiamano estate oggi i primi due appuntamenti

Cultura & Società

Con Concita De Gregorio (21.30) e Raffaello Mastrolonardo (19.30) Parco archeologico di San Pietro – Museo Archeologico di Santa Scolastica – Bari

Inizia con il tutto esaurito l’edizione 2020 di TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE, il progetto multiculturale coprodotto dalla Città Metropolitana di Bari e da Veluvre – Visioni Culturali, in collaborazione con l’associazione Tu non conosci il Sud e la Libreria Laterza, con il patrocinio del Comune di Bari e della Fondazione Vincenzo Casillo.

I primi due appuntamenti questa sera, mercoledì 15 luglio, con la giornalista e scrittrice Concita De Gregorio, che dialogherà con l’editore Alessandro Laterza, alle 21.30, nel Parco Archeologico di San Pietro, adiacente al Museo Archeologico di Santa Scolastica, quest’anno location d’eccezione della manifestazione. Al centro della conversazione: “I miei Sud”, con il racconto delle suggestioni che legano De Gregorio al tema fondante di Tu non conosci il Sud, che è appunto quello di raccontare, rappresentare, indagare il Sud, i Sud, al di là degli stereotipi.

L’incontro (come per tutti i 4 appuntamenti previsti, tutti i mercoledì fino al 5 agosto, a ingresso libero con prenotazione obbligatoria su veluvre.it) sarà preceduto, alle 19.30, dalla presentazione di un libro a cura della Libreria Laterza. Questa sera sarà la volta di Raffaello Mastrolonardo e il suo romanzo Gente del Sud. Storia di una famiglia (Tre60 Editore). Con l’autore sarà la giornalista Claudia Bruno.

“Pensare alla rassegna e riuscire a realizzarla in questa estate così diversa dalle altre vissute finora è stata una vera e propria sfida – spiegano le socie di Veluvre -, ma non potevamo rimanere ferme, sentivamo il bisogno di portare la testimonianza di quanto la cultura, nelle sue molteplici rappresentazioni, sia fondamentale nelle vite di tutti noi, soprattutto in questo periodo di crisi. Già nei giorni del lockdown abbiamo lanciato il progetto NON PERDIAMOCI DI VISTA per dare una mano concreta al mondo nel quale operiamo, e sostenere gli operatori della cultura e del turismo che sono stati i primi a chiudere i battenti e gli ultimi a riaprirli, tra mille difficoltà. Con questo stesso spirito è nata questa nuova edizione di TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE, ancora una volta ibrida, che vuole raccontare il Sud attraverso il confronto a più voci, e le arti, dalla letteratura alla musica, al teatro. 

Siamo felici di aver riscontrato sin da subito la disponibilità della Città Metropolitana per il nostro progetto, grazie alla sensibilità della consigliera Francesca Pietroforte, e al tempo stesso dei patrocini del Comune di Bari, con l’assessora Ines Pierucci, e della Fondazione Casillo, nonché della collaborazione della Libreria Laterza, da sempre vicina al nostro progetto”. 

Francesca Pietroforte, consigliera delegata della Città Metropolitana alla Cultura – Ico – Biblioteca – Musei, commenta: “La collaborazione tra la Città Metropolitana di Bari e Tu non conosci il Sud è ormai consolidata e si rafforza anno per anno grazie alla capacità dell’associazione, insieme a Veluvre e alla casa editrice Laterza, di creare iniziative culturali utili non solo all’intrattenimento. La forza delle diverse rassegne infatti risiede nella scelta di stimolare la riflessione, spingere all’approfondimento, fornire punti di vista talvolta nuovi e inediti. Senza dimenticare l’attenzione costantemente rivolta alla nostra terra, al Sud, protagonista dei diversi dibattiti. E questa idea ben si concilia con quella che sottende la programmazione culturale della Città Metropolitana di Bari”.

Cardenia Casillo, consigliere delegato della Fondazione Vincenzo Casillo, che ha patrocinato la rassegna, spiega: “È con grande gioia che abbiamo aderito al sostegno di questa bellissima manifestazione culturale, nata dalla visione di un gruppo di giovani pugliesi. I tempi del lockdown ci hanno fermato in molti aspetti ma hanno ridato senso a tanti elementi della nostra vita, facendoci apprezzare tante cose che davamo per scontate, una per tutte le ricchezze di ogni tipo della nostra Puglia. Ora vogliamo tornare ad incontrarci per poter ripartire insieme e queste serate sono una sfida ad una situazione ancora incerta ma dalla quale speriamo possa avvenire una nuova stagione ancora più feconda della cultura e del turismo in Puglia”.

Il progetto culturale TU NON CONOSCI IL SUD, nato a Bari nel 2014 (e che ha dato vita all’omonima associazione presieduta dal giornalista Oscar Iarussi), si pone come un tentativo di esplorare, scandagliare e rilanciare il Sud attraverso riflessioni condivise, contributi e appuntamenti che negli anni si sono articolati in varie città e luoghi simbolici. Nel progetto si inserisce l’omonima rassegna itinerante, con la sua originale formula ibrida nei linguaggi via via utilizzati, ideata con l’obiettivo di rappresentare il Mezzogiorno nelle sue sfaccettature e nella sua dialettica, e rendere viva l’idea di una cittadinanza culturale attiva. Il format della rassegna, che si caratterizza per la sua multidisciplinarietà, spazia dalla letteratura al cinema, dal teatro alla musica e alle arti, e punta sul racconto di un Sud che vuole affermarsi nel panorama nazionale senza recriminazioni né autocelebrandosi, ma valorizzando talenti e professionalità, analizzando le contraddizioni che lo rendono estremamente moderno, nella consapevolezza di rappresentare una risorsa per l’intero sistema Paese.

Dal 2016 il progetto ha un suo appuntamento estivo a Bari: TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE, che per tre edizioni ha avuto la sua location d’elezione nella cornice della terrazza della Biblioteca Metropolitana “De Gemmis”. Quest’anno, si è scelto di valorizzare un altro luogo simbolo di Bari, che rientra nel patrimonio della Città Metropolitana: il parco archeologico di San Pietro, adiacente al Museo Archeologico di Santa Scolastica. Una location altamente suggestiva in grado di offrire agli spettatori la fruizione di un evento culturale di qualità in un luogo storico della nostra città, e che al tempo stesso si addice alla perfezione alla realizzazione di eventi in questa estate 2020, per la possibilità di rispettare le normative anti-covid19.