In Islanda rieletto presidente un professore senza etichetta politica

Esteri

Gudni Johannesson ha ottenuto il 90,6% delle preferenze  e resterà in carica per altri quattro anni.  Il suo unico rivale era il candidato della destra populista, Gudmundur Franklin Jonsson, che si è fermato al 9,4%

© Halldor Kolbeins/AFP – Il rieletto presidente dell’Islanda Gudni Johannesson con la moglie Eliza Reid

L’Islanda ha rieletto presidente, per altri quattro anni, il super favorito Gudni Johannesson. Ha ottenuto il 90,6% delle preferenze.

Con l’accademico 52enne, professore di storia senza etichetta politica, l’isola vulcanica di 365 mila abitanti ha fatto la scelta della continuità, dodici anni dopo la drammatica bancarotta delle sue banche nel 2008 e all’alba della nuova crisi economica globale dovuta alla pandemia del coronavirus.

“Sono onorato e orgoglioso”, ha dichiarato il vincitore a margine della sua serata elettorale al Grand Hotel di Reykjavik. “Per me, il risultato di queste elezioni è la prova che i miei concittadini hanno approvato la mia idea di questo mandato. E mi hanno concesso di continuare a esercitare il mio ruolo allo stesso modo degli ultimi quattro anni”, ha aggiunto.

Secondo i risultati provvisori disponibili intorno all’1.30 (ora locale, le 3.30 in Italia), con 67 mila voti, Johannesson è risultato in testa con il 90,6% dei voti staccando di gran lunga il suo unico rivale, il candidato della destra populista, Gudmundur Franklin Jonsson, fermo al 9,4%.