Bari – Contratti allungati per i prestiti secchi scadenti il 30 giugno

Sport & Motori

Il vincolo per i calciatori in prestito è stato allungato, dunque per il Bari non si prevedono problemi per Laribi, Costantino e Pinto, unici tre giocatori ad avere un contratto a prestito secco scadente a giugno. La FIGC, infatti, come scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, ha redatto un protocollo apposito per l’estensione dei contratti, nonché per tracciare le linee da seguire volte a garantire la maggior trasparenza nei rapporti contrattuali, atteso che la pandemia ha costretto, di fatto, ad una coda nei campionati, così tutti quei contratti scadenti il 30 giugno sono stati prorogati al 31 agosto 2020 e, di conseguenza, tutti i tesseramenti per la stagione prossima (2020-21) decorreranno dal 1° settembre. Nessun problema, invece, per i rapporti contrattuali diversi da quelli del prestito secco; essi, infatti, rimarranno validi fino alle scadenze previste.

E nel Bari, per fortuna, sono la maggior parte quei contratti a lunga scadenza, nessuno, infatti, scade il 30 giugno, eventualità per la quale la società barese sarebbe stata costretta ad una transazione particolare relativamente ai contratti che sarebbero stati prolungati fino al 31 di agosto. Hamlili e Bianco erano gli unici ad avere il contratto scadente a giugno 2020 ma, per fortuna, il Bari se li è cautelati a febbraio scorso fino a giugno 2022.

Laribi, dunque, il giocatore con maggior estro del Bari chiamato e preteso dalla società per dare quel contributo in più alla causa, giocherà regolarmente i playoff. Il giocatore ha sposato a pieno la causa barese accettando persino una decurtazione dell’ingaggio ponendosi l’obiettivo, comunque, di salire in serie B, traguardo che, automaticamente, vedrebbe rinnovato il contratto per altri anni nel Bari. Ove, malauguratamente, si dovesse rimanere in serie C, per il Bari sarebbe un lusso trattenerlo a causa dell’oneroso ingaggio, problema che non sussisterebbe nel caso di promozione in B, senza dimenticare la scelta tecnica che lo vedrebbe inserito a pennello nello scacchiere di Vivarini come trequartista. Il fantasista, dopo le prime partite arrugginite, ha risposto bene alle convocazioni dell’allenatore abruzzese esprimendo un buon calcio, andando in gol per due volte, fornendo assist, muovendosi bene a centrocampo, insomma ha rispettato le attese, anche se, ad onor del vero, qualcosa in più c’era da aspettarselo.

Nessun problema, come detto all’inizio, per Pinto e Costantino. Il difensore è a Bari in prestito dalla Fiorentina che, in ogni caso, lo avrebbe lasciato ancora in biancorosso fino a termine playoff. Diverso è il caso di Costantino, attaccante arrivato a Bari in prestito secco dalla Triestina, che – regole alla mano – avrebbe potuto tranquillamente richiamato a sé non tanto per farlo giocare, quanto per privarlo ad una società concorrente quale è, appunto, il Bari dal momento che i friulani parteciperanno ai playoff.

Squadra, dunque, al completo per il 13 luglio.

Massimo Longo