Educazione civica e trasferimenti

Cronaca

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani, prendendo atto della definizione / divulgazione, avvenuta in questi giorni al CSPI, delle linee guida per l’avvio del nuovo insegnamento di Ed. Civica per l’anno scolastico 2020/2021, considerando che il ministro Azzolina ha ritenuto fondamentale l’inserimento di tale materia all’interno del curriculum di ogni scuola italiana, come d’altronde previsto dalla legge n. 92, pubblicata il 21 agosto scorso sulla Gazzetta ufficiale, institutiva di tale materia nel primo e secondo ciclo di istruzione, sollecita il Ministro e il Ministero della pubblica istruzione ad autorizzare  l’inserimento nell’organico dell’autonomia in ogni scuola di ordine e grado di almeno un’unità della classe di concorso A046 – discipline giuridiche ed economiche in modo da permettere una migliore organizzazione / programmazione / azione didattica e anche il rientro nella propria sede di residenza del personale altamente qualificato rimasto ormai da cinque anni nelle sedi di destinazione dell’algoritmo della legge 107 /2015.

Ricordiamo che in molti casi il personale in questione vanta molti anni di servizio ed un’età anagrafica considerevole, inoltre tale classe di concorso ribadiamo ha fatto registrare in questi anni una mobilità interegionale / provinciale quasi nulla.

Prof. Romano Pesavento

Presidente CNDDU