Abbiamo bisogno dei volontari per vivere in un mondo di pace ma anche di giustizia!

Lettere al Direttore

Egr. Direttore,

nell’era della scienza tecnologica ci sono persone in Italia e nel mondo donano la loro vita agli altri. Infatti, molti  uomini e donne che si dedicano al volontariato, alle missioni di pace sentono la spinta verso gli altri, impulso che cresce nel tempo e si trasforma in azione guidata dalla forte consapevolezza della responsabilità individuale per la costruzione di un mondo  migliore fatto di pace e di giustizia e onestà.  Fare qualcosa per altre persone  per tentare di rendere  meno infernale la vita a chi sta soffrendo: questo è il volontario, il missionario civile e religioso, il militare di pace che è capace di offrire anche la sua vita a chi non ha avuto la fortuna di nascere nei paesi più ricchi e democratici e deve lottare ogni giorno contro le guerre, la povertà, l’ingiustizia, la violenza, la malattia  e la morte. Se i politici italiani ed in modo particolare il governo europeo e i potenti del mondo,ma anche ciascuno di noi maturerà un diverso atteggiamento nei confronti di quei popoli che rivendicano la loro libertà  allora avremo capito il compito dei missionari, dei volontari e dei soldati di Pace.

Per questo cari politici, i volontari devono essere salvaguardati e il loro coraggio  deve farci  riflettere e pensare che non sono eroi ma sono uomini e donne speciali. Non abbandoniamoli sono persone al servizio dei bisognosi sia nella nostra bella Nazione, che in tutto il mondo. Pensiamoci!

Cav. Antonio Guarnieri