Covid-19, nascono i primi pannelli divisori

Diritti & Lavoro

Covid-19, nascono i primi pannelli divisori in tessuto alle particelle d’argento che annullano la carica batterica del coronavirus

A differenza di altri materiali questo tessuto non necessita di una continua sanificazione

Nascono i primi pannelli mobili divisori innovativi in grado di proteggere le proprie superfici dalla carica virale e dunque da Covid-19. Un tessuto tecnologico dalle caratteristiche antivirali e antibatteriche è stato installato all’interno di TEXO®, un sistema brevettato di pannelli modulabili con un telaio esterno in alluminio estruso.

Questo tessuto rivoluzionario sfrutta le ben note proprietà antibatteriche delle particelle d’argento per combattere il virus. Un trattamento produttivo brevettato applicato a questo materiale, genera la riduzione della carica virale dei coronavirus del 95% dopo un quarto d’ora dal contatto e del 99,5% dopo un’ora.

Le proprietà antivirali sono state testate e certificate dal laboratorio VirHealt di Lione, specializzato in applicazioni virucide delle tecnologie di contaminazione.

Questi pannelli contribuiscono a rendere più sicuri i luoghi frequentati dal pubblico, dai privati o di forte affluenza, come ristoranti, bar, strutture sanitarie, scuole, spazi culturali ma anche uffici e attività professionali, accelerando la ripartenza economica di imprese e garantendo la fornitura di soluzioni che migliorano la sicurezza delle persone.

“La nostra azienda – dichiara l’Architetto Stefano Bertino titolare di Tensoforma, società bergamasca specializzata nella progettazione e realizzazione di strutture leggere e prima in Italia ad avviare questa produzione – si è sempre occupata di materiali e sistemi innovativi e vuole mettere a disposizione la propria esperienza per contrastare questa emergenza che ha completamente destabilizzato il nostro modo di vivere gli spazi. In questo ultimo periodo avevamo già avuto un incremento della richiesta di pannellature e pannelli divisori. Questo nuovo materiale, messo a disposizione dal nostro partner francese, ci permette di fare un ulteriore salto qualitativo nella fornitura di soluzioni che migliorano la sicurezza delle persone”.

I pannelli si propongono anche come un sistema di design per la rimodulazione degli spazi interni. Non solo un uso temporaneo per l’emergenza in corso, ma veri e propri complementi d’arredo, fissi o mobili, in grado di valorizzare lo spazio in cui si collocano.

La manutenzione è semplice i tessuti sono interamente lavabili e a differenza di altri materiali non devono essere sanificati in continuazione.

Tensoforma è un’azienda di Entratico (BG) specializzata nella progettazione e ingegnerizzazione di involucri architettonici innovativi.

In linea con l’evoluzione della ricerca architettonica, l’azienda si impone nei primi anni ’80 con la progettazione di tensostrutture su misura per realizzazioni specifiche.

Dalle strutture leggere legate alla filosofia delle forme naturali, Tensoforma approda ai sistemi strutturali basati sull’utilizzo dei tessili tecnici, in grado di creare una seconda pelle a misura (facciate tessili e sistemi di schermatura solare) che garantiscono elevate prestazioni meccaniche, termiche ed energetiche.

In quest’ottica nasce Il sistema Texo®, un brevetto dell’azienda, che consente un utilizzo del pannello estremamente versatile e ne suggerisce un uso sperimentale, che va dalla ricerca della forma più efficace alla selezione del materiale più adatto, fino alla massimizzazione della sua efficienza.

Il delicato periodo storico di questi ultimi mesi, ha portato Tensoforma a ricercare nuove soluzioni utilizzando l’esperienza acquisita, l’alta conoscenza dei materiali e delle tecniche produttive, finalizzate ad una soluzione mirata all’emergenza COVID-19 e non solo; mettendo a disposizione materiali innovativi e rendendo il proprio pannello flessibile, adatto ad ogni esigenza e  spazio grazie all’aspetto estetico funzionale che lo rende utilizzabile non solo in questo periodo di crisi ma anche come complemento di arredo nel prossimo futuro.