La “lezione sospesa”, un aiuto concreto per bambini e famiglie

Cultura & Società

Il centro estivo diventa on line: Sos villaggi dei bambini lancia

La “lezione sospesa”, un aiuto concreto per bambini e famiglie 

 La scuola chiude e molti centri estivi non riapriranno: SOS Villaggi dei Bambini propone “Lezione SOSpesa”, una piattaforma on line dedicata a bambini e ragazzi per offrire svago e compagnia attraverso contenuti di qualità messi a disposizione per essere fruiti da tutti. Hanno aderito alla Lezione SOSpesa anche tante celebrities: da Veronica Maya a Lillo & Greg, da Beppe Convertini a Ahmad Joudeh, sono tanti i volti noti che hanno voluto donare un contributo in video. La piattaforma è gratuita, tutti possono partecipare e contribuire con nuovi contenuti, ma anche donando su www.lezionesospesa.it per sostenere la didattica di 500 bambini e ragazzi accolti nei Villaggi e Programmi SOS in Italia.

MILANO Sarà un’estate molto diversa dal solito, quella di convivenza con il Covid-19: un’estate di distanziamenti, tracciamenti e regole stringenti, per evitare che il contagio dilaghi. Per i più giovani, la spensieratezza sarà un traguardo da conquistare passo dopo passo, imparando a giocare e divertirsi in modo diverso dal solito.

Mentre i genitori continueranno a lavorare, cosa faranno i bambini? Un salvataggio in extremis dei centri estivi è stato tentato: anche se ogni regione adotterà regolamenti territoriali, tutte si dovranno attenere alle Linee Guida dell’ultimo Dpcm (3 giugno): sarà d’obbligo un rapporto numerico fra operatori, bambini e adolescenti, graduato in base all’età; per evitare assembramenti ci saranno dei “triage” d’accoglienza e gli ingressi dovranno essere scaglionati di almeno 5/10 minuti. I punti di accoglienza dovranno essere all’esterno o in un ingresso separato dell’area dove si svolgono le attività per evitare l’accesso degli adulti che accompagneranno i minorenni. E ancora: nel punto di accoglienza deve essere disponibile una fontana o un lavandino con acqua e sapone o, in assenza, il gel idroalcolico per l’igienizzazione delle mani del bambino prima che entri nella struttura; stessa cosa dovrà fare prima di essere riconsegnato ai genitori. Una serie di regole e comportamenti necessari e di grande cautela. Risultato: molti dei centri estivi che di solito accolgono i più giovani, non potendo assicurare sufficienti spazi e il rispetto di queste norme, non riapriranno i battenti. Quelli che lo faranno, avranno in media meno posti disponibili. Inoltre ci saranno anche tanti genitori che, potendo stare a casa grazie al telelavoro, preferiranno tenere con sé anche i figli per evitare di esporre loro e sé stessi a possibili contagi, nell’attesa di poterli portare in vacanza.

Saranno dunque ancora settimane di gestione “domestica” dei bambini, riservata ai genitori o delegata a nonni, zii o babysitter. Per dare un concreto supporto anche in questa nuova fase dell’emergenza, SOS Villaggi dei Bambini ha realizzato una piattaforma on line ricca di contenuti per intrattenere i bambini, proponendo loro attività leggere, divertenti, coinvolgenti e spesso anche utili, da fare da soli o insieme a fratelli o a un amico; a casa oppure, perché no, al parco. Lezione SOSpesa, questo il nome della piattaforma (www.lezionesospesa.it), è stata creata tenendo in considerazione il bisogno dei più piccoli di riposare e svagarsi dopo un anno di scuola, più difficile del solito sul piano emotivo e didattico, ma anche il bisogno delle famiglia di ricevere supporto nella gestione del tempo libero, dei compiti delle vacanze o del recupero di qualche lacuna scolastica. I video spaziano dalla danza alla cucina, dalla ginnastica ai giochi indoor e outdoor; li hanno realizzati tanti amici dell’organizzazione, e tra questi anche molti volti famosi, che hanno voluto dedicare ai più piccoli un po’ del loro tempo e delle loro competenze: ricordiamo tra gli altri i contributi video di Veronica Maya, Maurizia Cacciatori, Annalisa Manduca, Beppe Convertini, Lillo & Greg, Paolo Tofoli, Marcello Masi, Ahmad Joudeh, Lidia Schillaci, Luca Abbrescia, Clinton Kane, Oronzo De Iure, Michele Oliveri e della giovanissima AstroLinda.

Tra i partner della Lezione SOSpesa, ci sono l’azienda Cameo, da anni al fianco dell’Organizzazione, l’Associazione Impactrip che sostiene il volontariato online, l’UsAcli che promuove lo sport di base e l’Ente Nazionale della Trasformazione Digitale che lavora per generare innovazione, cambiamento e crescita consapevole e condivisa.

Attraverso il sito è possibile inoltre prenotare degli incontri on line con i nostri volontari per ricevere aiuto nei compiti delle vacanze, fare lezioni di lingua e giochi “live”. Insomma, una vera e propria community, pensata per offrire ai bambini un momento di gioco creativo o di ripasso delle materie scolastiche, e completamente gratuita per tutte le famiglie. Una iniziativa di concreta solidarietà, che ha anche l’importante obiettivo di raccogliere donazioni a supporto dell’Organizzazione: chiunque partecipi, infatti, attraverso la piattaforma potrà decidere di riconoscere un valore al video o alla lezione offrendo una libera donazione per sostenere l’attività didattica di 500 bambini e ragazzi accolti in 8 tra Villaggi e Programmi SOS in Italia. Una bella occasione per insegnare ai bambini anche la lezione più importante di tutte: che uniti e solidali possiamo tutti diventare un po’ più grandi, insieme.

Per ulteriori informazioni stampa contattare UFFICIO STAMPA SOS VILLAGGI DEI BAMBINI

Valeria Sabato, 337 5515109 – v.sabato@inc-comunicazione.it

Federica Aruanno, 344 3449685 – f.aruanno@inc-comunicazione.it

SOS Villaggi dei Bambini è parte del network di SOS Children’s Villages, la più grande Organizzazione a livello mondiale impegnata da oltre 70 anni nel sostegno di bambini e ragazzi privi di cure familiari o a rischio di perderle. Lavora con le famiglie d’origine per prevenire le crisi che ne causano la separazione e offre accoglienza di tipo familiare ai bambini che sono privi di cure adeguate. È presente in 136 Paesi e territori, dove aiuta oltre 1 milione di persone tra bambini, bambine, ragazzi, ragazze e le loro famiglie.  In Italia promuove i diritti di oltre 44.000 bambini e giovani e si prende cura di oltre 1.000 persone tra bambini, ragazzi e famiglie che vivono gravi momenti di disagio. Lo fa attraverso 6 Villaggi SOS – a Trento, Ostuni (Brindisi), Vicenza, Roma, Saronno (Varese), Mantova – un Programma di affido familiare interculturale a Torino e un Programma di sostegno psico-sociale per Minori Stranieri Non Accompagnati in Calabria.