La liberta’

Diritti & Lavoro

Cos’è la Libertà? Essa rappresenta un modo di vita disciplinato da norme. Se questa definizione è corretta, come riteniamo, non può esistere “libertà” senza un complesso di regole che la disciplinano e, come in questa pandemia, l’hanno condizionata.

Ne deriva, di conseguenza, che non può riconquistare la “libertà” quando vengono a mancare, indipendentemente dai motivi, norme che la disciplinano e la tutelano. Fare della filosofia spicciola in materia non appare sensato. Anche perché non è assolutamente vero che la “libertà” individuale viene a cessare, quando si trova a coesistere con quella degli altri. Sono, di conseguenza, i codici a disciplinarne i termini e le finalità. Il tutto in modo che non accadano situazioni tra di loro in contrasto e, di conseguenza, lesive su quanto premesso.

Anteposto che essere “liberi”, ma tutti liberi, è difficile come per il passato, ci sembra importante evitare di confondere la liberà individuale con quella sociale che, tanto per restare in tema, interessa tutti; salute compresa.

Da febbraio, almeno ufficialmente, dai fatti pandemici, sempre più tragici, ci siamo resi conto che s’è concretata una sorta di disordine psicologico che ci portiamo ancora dietro. La “fase 2” nazionale continua. Ma con regole da rispettare. Le stesse in essere in tutti i Paesi dell’area UE e del mondo civile. Non siamo nelle condizioni di coordinare una “libertà” che non tenga conto della salute. Per evitare interpretazioni ingannevoli di queste nostre considerazioni, c’è da considerare che col Coronavirus dovremo convivere a lungo. Con tutti i rischi che ne derivano.

Giorgio Brignola