Emergenza Covid-19: dal Comune un aiuto alle strutture educative

Cronaca

Trasferiti i fondi regionali per gli istituti di istruzione per bimbi da 0 a 6 anni

Il vicesindaco Matera: «Importante garantire risorse per allentare la morsa della crisi» 

GRAVINA IN PUGLIA – Un aiuto contro la crisi. Per alleviare i disagi e le difficoltà patiti dalle scuole paritarie, costrette a sospendere le proprie attività il 5 Marzo scorso causa pandemia, Palazzo di Città ha deciso di scendere in campo a sostegno delle stesse oltre che, naturalmente, delle strutture pubbliche.

Il risultato è stato raggiunto con la rimodulazione delle risorse annualmente assegnate al Comune dalla Regione attraverso il Fondo per il Sistema integrato di educazione ed istruzione per i bambini da zero a 6 anni. «Le scuole paritarie di tutta Italia – spiega Maria Nicola Matera, vicesindaco con delega alla pubblica istruzione – stanno attraversando un periodo di particolare difficoltà, dal momento che sin qui sono rimaste sostanzialmente escluse da ogni forma di aiuto statale. Evidente è pertanto il rischio di disperdere un patrimonio alquanto importante, in termini di competenze e capacità professionali ed umane». Da qui la scelta dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Alesio Valente, di procedere, d’intesa col Servizio Pubblica Istruzione, ad una ricognizione delle risorse disponibili ed alla loro immediata liquidazione. Nello specifico, precisa Maria Nicola Matera, «si tratta di poco più di 144.000 euro». Quota parte della somma in questione è stata già affidata alle scuole paritarie. La parte restante, destinata invece alle scuole pubbliche, sarà trasferita non appena le stesse avranno provveduto agli adempienti richiesti per la sottoscrizione dei contratti attuativi.