Poltiglie e frammenti di Amatrice con la ricostruzione ancora al palo dopo quattro anni dal sisma

Arte, Cultura & Società

Ecco che cosa è rimasto della cittadina di Amatrice dopo il sisma del Centro Italia: https://www.youtube.com/watch?v=2fq0he5NhBo

La mancanza di una messa in sicurezza, non ha salvato neanche i principali monumenti del borgo, dei quali restano miserrimi frammenti e spezzoni puntellati tardivamente, e dopo quattro anni dalla devastazione sismica, la ricostruzione del paese è ancora al palo. In condizioni analoghe si trovano le sessantanove frazioni di Amatrice.

I frammenti del borgo sono “vegliati” dalle montagne circostanti e accarezzati da una melodia dolce e malinconica, con la speranza di una rinascita.

Il testo della canzone “Matrix Pulcherrima” (Amatrice Bellissima) è stato scritto da Concetta Persico e la musica è stata composta dal M° Camillo Berardi.

La foto allegata è di Concetta Persico.

Si trasmette per l’eventuale pubblicazione.

Un cordiale saluto.

Camillo Berardi

MATRIX PULCHERRIMA-  Post fata resurgo

Versi di Concetta PERSICO

Musica di Camillo BERARDI

1) Canzune mie

scritta solu pe’ ti’

pe’  ‘na bbella città

che oramai

‘nci sta cchiù.

Me so’ arrubbatu

storie e memorie

e mo’ luntane

ji’ le puorte nel côre.

Tanti bbei sugni

dôci recurdi

no’ li vojio scurda’

pecché ji’

t’amo assa’.

2) Lu côre mie

cchiù nun vôle armeni’

è remastu lassù

‘nzieme a ti’

vôle sta’.

Te ne’si’ annata

’na notte scura

lu terremotu

ha scuratu la luna.

‘Nu munnu vivu

‘entr’a lu côre

nun se po’ cchiù scurda’

’nzieme a ti’

vojio sta’.

3) Paese mie

vojio solu mori’

addurmita accuscì

coma ti’

vojio sta’.

Ji’ so’ sugnatu

pe’ tante notti

ombre de sole

e co’ l’anema ‘n côre.

Ne’ miei pensire

solu l’amore

nun te pozzo svejia’

ma co’ ti’

vojio sta’.

4) Amore mie

nun te pozzo scurda’

‘nu paese accuscì

coma ti’

nun ce sta’.

Si’ statu ‘n sugnu

troppu filice

a’ ta’ armenire

si’ ‘n’araba fenice.

Macerie e sassi

mort’ e dolore

si’ ‘na smania d’amor

senza ‘e ti’

pena il côr.

5) Paese mie

ji’ te vojio sugna’

coma fussi realtà

pe’ pote’

returna’.

Revedo simpre

co’ tantu amore

lu tempu annatu

me reccrocca lu côre.

Tantu splendore

tantu dolore

ji’ mo’ vojio turna’

solu a ti’

saccio ama’.

6) O sugnu mie

ariviemm’a rtruva’

tuttu bbejiu sarà

senza ‘e ti’

‘nze po’ sta’.

Quanno arenasci

pîna de luci

tu me rappicci

‘na sperella nel côre.

Si’ ‘nu rempiantu

‘ruci lu côre

mo’ redevi fiori’

‘n poi mori’

‘nzieme a mi’.

FINALINO

Paese mie

nun te pozzo scurda’

lu recordu de ti’

po’ bbasta’

pe’ campa’.