Bari e Reggio Audace a braccetto in cerca di giustizia

Sport & Motori

“Non capisco per quale motivo una società ferma al terzo posto con un numero inferiore di partite giocate possa e debba competere con le seconde classificate per la promozione in B”. Così parlò il legale della Reggio Audace (o Reggiana che dirsi voglia), Avvocato Eduardo Chiacchio in una intervista rilasciata alla Gazzetta del Mezzogiorno, valutazione che abbiamo sempre portato avanti noi nonostante siano, tranchant, fuoriusciti parametri assurdi volti alla esclusione del Bari in favore del Carpi. Lo stesso avvocato, al pari del suo collega barese Grassani, si è mostrato abbastanza fiducioso sulla ripresa del gioco quanto meno coi playoff ridotti. Per lui la partita non è ancora chiusa e, come per il Bari, si può sperare ancora. Si tratta, secondo il legale reggiano, di una riflessione tecnico-giuridica che ha, nella difensiva, stralci interi simili a quelli del Bari che adesso, insieme agli amaranto reggiani, attende il responso del Consiglio Federale che si terrà entro il 20 maggio.

Una decisione figlia di 23 club favorevoli su 60 non può essere indicativa in quanto molto al di sotto di una maggioranza, a cui si vanno ad aggiungere i 16 club che hanno votato per la disputa dei playoff e i 17 che si sono astenuti. E pertanto, secondo l’avvocato, non ci sarebbero le condizioni perché il Consiglio Federale ratifichi questi orientamenti.

Anche il criterio della media punti ponderata è inaccettabile secondo il legale (come per Grassani, del resto). Un verdetto che può stravolgere una promozione o una retrocessione non deve essere stabilita da un calcolo matematico. La cosa abbastanza confortante è che il Presidente Gravina si sta battendo per la ripresa del calcio professionistico. Se la serie C dovesse, tuttavia, trovare difficoltà nel rispettare il protocollo sanitario, allora sarebbe cosa buona e giusta giocare i playoff anche se in formato ridotto.

La Reggio Audace, a differenza del Bari, sta già ultimando la linea difensiva da presentare prima del Consiglio Federale.

Del resto il Bari ha, se vogliamo, la stessa legittima pretesa degli emiliani per la quale non si capisce ancora il motivo per cui una terza debba scavalcare le due secondi migliori, e il Presidente De Laurentiis venderà cara la pelle affinché vengano tutelate le sue ragioni.

Massimo Longo