Le intenzioni di voto degli italiani di questa settimana

Politica regionale, nazionale e internazionale

Le intenzioni di voto di questa settimana fotografano una situazione molto dinamica, con un’accentuazione di alcune tendenze ormai consolidate e altre variazioni meno attese. Accelera la flessione della Lega, che scende al 24,9%, ad appena 2 punti dal PD, ormai stabile da qualche settimana al 22,9%.

Nell’area di centro destra, sale di quasi due punti Fratelli d’Italia (13,8%), mentre la linea più moderata pare penalizzare Forza Italia, che dopo varie settimane di crescita, perde lo 0,7 e si riporta al 7,2%. Si rafforza, invece, il Movimento 5 Stelle, toccando il 16,8%. Calo generale, infine, per le liste minori del centro sinistra.Il quadro della fiducia nei politici, conferma il primato di Conte, che però questa settimana cede un punto, scendendo al 59%, molto distante dai leader dei principali partiti: Giorgia Meloni guida il gruppo degli inseguitori col 35% di gradimento, seguita da Salvini col 31%. Un altro esponente della Lega, però, presenta in questo momento un livello di gradimento molto maggiore di quello del suo segretario e si colloca a meno di 10 punti dal Presidente del Consiglio: il Governatore del Veneto, Luca Zaia, forte di una gestione dell’emergenza giudicata esemplare nella propria regione, riscuote la fiducia del 50% degli italiani.

Rispetto alla gestione dell’emergenza, con l’ingresso nella fase 2, risale il giudizio sull’operato del Governo, ritenuto in qualche misura positivo dalla netta maggioranza degli italiani (18% molto positivo – 51% abbastanza positivo).In questa fase, dato anche il perdurante declino della curva dei contagi, metà della popolazione è più preoccupata per le ripercussioni dell’emergenza Covid sull’economia, che per i suoi effetti sulla salute.Sul fronte sanitario, comunque, gli italiani non abbassano la guardia e guardano con una certa apprensione l’allentamento delle restrizioni, seppure contenuto: se il 51% ritiene che ci sarà una gestione responsabile da parte della popolazione, il 39% invece teme che ci sarà una ripresa dei contagi e conseguentemente si dovrà tornare al lockdown.