L’arte,la bellezza,la pace: Sadko’ sulle strade della Puglia di Sviatoj Njcolaj

Arte, Cultura & Società

di Maria Teresa Alfonso

Dirigente scolastico       

La Regione Puglia è da diversi anni impegnata nella realizzazione di una strategia volta a valorizzare l’educazione regionale in ambito internazionale.

Il progetto di scambio interculturale Puglia-Russia(BURP n.87 del  01/08/2019) è un progetto presentato da tre scuole della provincia di Taranto: IISS Da Vinci di Martina Franca, IISS De Ruggeri di Massafra, I.C.Casalini di San Marzano e da una scuola di Bari I.C.Massari-Galilei.

Creare effettive occasioni di confronto e di scambio per qualificare l’offerta formativa,con l’obiettivo di delineare nuovi scenari di crescita per i nostri allievi, sviluppandone le competenze per le future  professionalità,ha ricevuto il plauso di tutti i genitori e docenti dell’I.C. Casalini di San Marzano di San Giuseppe(TA) come anche da parte dell’utenza delle altre scuole della rete.

Questo lavoro diventa rilevante in quanto non  solo avvia un gruppo di ragazzi alla conoscenza​ della lingua russa ma li avvicina a tutta la cultura della nazione.
Nell’ I.C.Casalini già si porta avanti la conoscenza della lingua​ arbereshe (essendo San Marzano una comunità arbresche) ma anche l’apprendimento della nuova lingua  albanese.

La prima per la conservazione della propria identità,la seconda per la realizzazione dell’obiettivo degli scambi culturali,dunque tradizione e modernità insieme,storia e futuro che si alternano in una sorta di”staffette educative”.

Il progetto interculturale nasce sul percorso che San Nicola compí , per motivi spirituali e religiosi, unendo di fatto la Puglia con la Russia. Oggi, grazie al fantasioso suggerimento di uno degli autori del progetto, si ripropone quel viaggio, quel percorso già dichiarato nella meravigliosa opera di ispirata alle “Byliny di Sadkò”. Il mitico  bogatyr , cavaliere, pescatore, musico, artista, proprio come recita l’opera, non riesce a rimanere confinato nelle sua fortunata terra d’origine – Novgorod – e per le vicissitudini che caratterizzano le sua vita, intrinseca di sacro e profano, si ritrova sulla strada per l’Italia, prima Venezia e poi….la puglia! La prima per soddisfare la sua brama di ricchezza, fortuna, notorietà, l’altra terra, la Puglia, per ringraziare quel santo, che miracolandolo, lo distoglie dalla visione pagana della sua vita. Ecco che questo percorso, si riaccende di nuova luce, attreaverso gli occhi di questo uomo ecclettico di allora e la tecnolgia di oggi, i nostri alunni vedranno e vivranno emozioni in quei luoghi sempre presenti, che sono, i porti, i mercati, le navi, il commercio, l’amore, la religione, l’arte gli scambi, la ricchezza, la povertà, il lavoro, la famiglia, gli usi e le consuetudini di popoli diversi, con l’auspicio che possano, essi stessi, diventare veri cittadini del mondo.

Infatti, La diffusione della lingua e della cultura russa ampliano e rafforzano i rapporti anche in relazione al progressivo sviluppo delle relazioni economiche che richiedono la presenza di persone sempre più preparate linguisticamente e culturalmente per affrontare le nuove sfide con i paesi in fase di espansione economica,nell’ottica della collaborazione internazionale.

Il 29 aprile, nel corso di una conferenza stampa streaming, presieduta dalla dirigente dell’IISS Da Vinci prof.Adele Quaranta (scuola capofila del progetto),sono stati evidenziati dai rappresentanti locali e dalle personalità accademiche russe intervenute,la valenza della formazione scientifica e linguistica in un continuo interscambio culturale da attuare anche con l’impiego delle migliori tecnologie in ambito educativo ,teso ad affermare con vigore il senso di cittadinanza globale.

“Possiamo tutti insieme sperare,provare,soffrire,creare per rendere reale,sul piano personale come su quello sociale …un destino irrinunciabile che segni il riscatto dalla meschinità e dall’egoismo.In questo muovere tutti verso una vita più alta,c’è lo spazio per la diversità…La diversità che c’è tra noi non ci impedisce di sentirci partecipi di una grande conquista umana.Non è importante che pensiamo le stesse cose…è invece straordinariamente importante…che tutti abbiano il proprio libero spazio nel quale vivere la propria esperienza di rinnovamento e di verità…La pace civile corrisponde…al libero progresso umano,nella quale rispetto e riconoscimento emergono spontanei,mentre si lavora,ciascuno a proprio modo…per fare posto a cose grandi.” Aldo Moro (Articolo su “Il Giorno”del 10 aprile 1977).L’Istituto Casalini già da anni porta avanti nel suo PTOF il progetto sulla figura di Moro e nell’ottica del suo pensiero vuole valorizzare i suoi studenti:”la persona al centro di tutto”

La rete oltre le scuole già citate comprende associazioni per la promozione della cultura russa 

Associazione di promozione sociale”Verso Est”

SISTEA- Società e cooperativa, Ente di formazione professionale, abilitato al rilascio delle certificazioni della lingua russa TORFL (TRKI). Infatti da anni la Sistea, in collaborazione con altre associazioni del terzo settore, che hanno partecipato alla stesura del progetto, sviluppa le conoscenze dello studio storico dell’arte cavalleresca del mondo occidentale con lettura sinottica della stessa nel mondo russo con particolare attenzione alla evoluzione geopolitica

Presenza significativa nella R.T.S. è data dalle scuole di Mosca e  San Pietroburgo, ed in particolare dalla Universita RUDN di Mosca rappresentata durante la conferenza dalla Prof.sa Svetlana Yurmanova .

Inoltre il progetto vanta il supporto dell’Universita’di Bari, del Politecnico di Bari e di Taranto, nonché della regione Puglia, del MI, dell’U.S.R. Puglia, delle Autorità Portuali della Puglia, di numerosi Enti ed aziende operanti sia nel settore della formazione sia in ambito culturale e scientifico.

Le attività previste forniranno agli studenti un contributo formativo-innovativo ed una prospettiva di sviluppo economico ed occupazionale.

Attraverso questi progetti i ragazzi si avvicinano  alla multiculturalità ma non solo si offre loro la possibilità di nuove opportunità lavorative.

L’elaborazione e la realizzazione di progetti comuni in rete con altre strutture che non siano solo scolastiche porta alla ricerca e all’innovazione di nuovi metodi di studio in presenza e a distanza favorendo lo scambio tra professionalità.
Tutto questo grazie alla nostra regione  Puglia .