Emergenza Covid-19: dopo le sollecitazioni delle Regioni il tema infanzia al centro dell’agenda di Governo

Politica regionale, nazionale e internazionale

“Una riunione utile per mettere in piedi ipotesi confortanti sugli investimenti per le scuole e per ridare il giusto peso all’infanzia nella gestione dell’emergenza Covid-19”. Così il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Stefano Bonaccini – che nei giorni scorsi aveva ripetutamente sottolineato la necessità di una maggiore attenzione sul tema da parte del Governo –  ha commentato il confronto odierno fra la ministra della famiglia Elena Bonetti, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, la ministra del lavoro Nunzia Catalfo e il ministro dello sport Vincenzo Spadafora, i rappresentanti degli enti locali, Cristina Grieco (Assessore della Regione Toscana), coordinatrice della Commissione  Scuola e Lavoro della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome  e la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein.  “Mi aspetto – ha aggiunto Bonaccini – che le scuole, previo parere del comitato tecnico- scientifico, possano riaprire a settembre, ma rimane il tema dei luoghi per l’infanzia e dei centri estivi, dove i ragazzi possano stare per garantire loro la socialità e permettere ai genitori di lavorare. So che è una questione molto complicata perché serviranno luoghi in cui non si rischia per la tutela della salute, ma occorre avviare un confronto permanente – Governo-Regioni-Enti locali – su questo tema”.

“Finalmente una riunione positiva, dove è stato posto con forza, dopo diverse sollecitazioni da parte delle Regioni, il tema dell’infanzia e dell’adolescenza in questa difficile fase dell’emergenza Covid-19”, così Cristina Grieco (Assessore della Regione Toscana), coordinatrice della Commissione Scuola e Lavoro della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha commentato il confronto di oggi. “Le Regioni avevano sottolineato che nei DPCM ed anche nella comunicazione c’è stato un grande vulnus su scuola, educazione e bisogno di socialità dei bambini.  Abbiamo ricordato che famiglie, specie quelle più fragili, non possono essere lasciate sole con il problema del rientro al lavoro e della cura dei figli.

Voucher babysitter e congedi parentali, la cui gestione dovrebbe comunque corrispondere a criteri di massima flessibilità, non sono uno strumento sufficiente.

Bisogna pensare a servizi strutturati, campi estivi e bonus flessibili.

Oggi però – ha concluso Cristina Grieco – possiamo contare su un impegno forte dei ministri presenti ad elaborare linee guida e protocolli che, con il parere del comitato tecnico-scientifico, possano permettere: sperimentazioni e servizi strutturati sui territori, con il coinvolgimento di tutti (scuole e servizi educativi, terzo settore, associazionismo sportivo e culturale); semplificazioni che consentano una veloce attivazione dei cantieri per l’edilizia scolastica; interventi per il rafforzamento degli strumenti necessari per la didattica a distanza”.