Bergoglio obbediente, CEI dissenziente 

Cronaca

di Nicola Zuccaro 

  ” Prudenza e obbedienza con le nuove disposizioni”. Quanto richiamato da Papa Francesco nell’omelia della Messa del mattino in Santa Marta, non è andato giù al Cardinal Gualtiero Bassetti. Secondo le prime indiscrezioni circolanti su Facebook, già dalla prima mattinata di martedì 28 aprile, il presidente della Conferenza Episcopale italiana ha preso le distanze dalle affermazioni del Santo Padre.

Una reazione che è motivata dalla “protesta” sollevata dai vescovi e dai parroci italiani sul prolungato divieto di celebrare le Messe con il concorso del popolo, a seguito delle disposizioni del nuovo DPCM presentato il 26 aprile 2020 da Giuseppe Conte. La protesta che in queste ore si sta estendendo al resto del cattolicesimo italiano, va oltre la decisione adottata dall’esecutivo nazionale, perchè esprime il malumore per la mancata difesa della libertà di culto da parte del Pontefice.

Egli con l’affermazione precedente riportata, dimostra l’allineamento – suo e della Santa Sede – alle decisioni intraprese in vista del 4 maggio dal Governo italiano sul ripristino di una regolare vita sacramentale dei cattolici sparsi lungo la Penisola italica.          

Nicola Zuccaro