1000 operatori socio-sanitari Per i penitenziari Bonafede: massima attenzione dal governo

Cronaca

Mille operatori socio-sanitari da impiegare, a sostegno di medici e infermieri, all’interno degli istituti penitenziari e nei centri della Giustizia minorile a tutela degli agenti di polizia penitenziaria, di tutti gli operatori dell’amministrazione penitenziaria e dei detenuti. È stata pubblicata sul sito web della Protezione civile la relativa procedura di selezione.

Per il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede si tratta “del risultato dell’impegno congiunto di Protezione civile, ministero della Giustizia e ministero della Salute e degli Affari regionali”. “Questa è la dimostrazione – ha aggiunto il guardasigilli – che, ancora una volta, le istituzioni unite possono puntare al raggiungimento di risultati ambiziosi e importanti. La tutela di chi lavora e vive all’interno delle carceri è un fronte a cui tutto il Governo sta prestando massima attenzione”.