Palo del Colle, 33 dipendenti contagiati dal Covid-19 in azienda lavorazione carni

Cronaca

Nell’azienda di lavorazione carni “Siciliani spa” di Palo del Colle l’Asl ha riscontrato il contagio  diffuso tra i dipendenti nel reparto di macellazione ammontante a 33 casi accertati 

Monica Montanaro

In una nota stampa il vicepresidente della Regione Puglia, Antonio Nunziante, ha informato la platea della popolazione pugliese dell’evoluzione del numero dei contagi causati dalla pandemia da coronavirus. Nello specifico Nunziante ha riferito della situazione che grava sull’azienda di lavorazione carniSiciliani spa” di Palo del Colle. Purtroppo, è stato acclarato che tra i dipendenti del reparto macellazione della suddetta impresa vi è un numero consistente  di contagiati dal temibile virus: in tutto sono 33 i casi accertati risultati positivi al Covid-19.

La situazione è andata degenerando nel proseguo temporale nell’azienda di macellazione carni. In un primo momento erano stati accertati  5 dipendenti affetti dal coronavirus, di cui due ricoverati in ospedale e gli altri  tre messi in quarantena domiciliare. Nelle ultime ore  l’Asl ha eseguito, per prassi e per scongiurare un contagio generalizzato, 100 tamponi tra i dipendenti.  La misura di analisi medica ha dato un riscontro allarmistico, essendo venuti fuori  ulteriori 28 casi positivi, tutti messi in stato di isolamento domiciliare, e il restante numero dei dipendenti sottoposti al tampone ha fornito esito di 72 negativi.

E’ stata disposta immediatamente la chiusura e la sanificazione del reparto di macellazione carni dell’azienda dove operavano  i lavoratori contagiati dal coronavirus. Inoltre, per tutti i lavoratori è stata imposto il dispositivo precauzionale di dotarsi di Dpi, e da domani anche sugli altri dipendenti dovranno essere eseguiti dei test rapidi. La commissaria prefettizia di Palo del Colle, Rossana Riflesso, si è attivata in prima persona demandando alla Asl locale di redigere una relazione dettagliata sul caso della “Siciliani spa” affinché si possano attuare i provvedimenti più opportuni per far fronte alla contingenza precaria in corso nell’industria alimentare. La commissaria Riflesso ha autorizzato, altresì,  la convocazione del Centro operativo comunale che si riunirà nella giornata di martedì prossimo.