Byparent.com traccia la geografia delle famiglie monogenitoriali in Italia

Cronaca

In appena 3 regioni, Lombardia (16%), Lazio (12%) e Campania (10%), si concentra il 38% dei nuclei monogenitore composti da madri con figli e che circa la metà di queste madri ha un’età compresa tra i 35 ed i 54 anni. A metterlo in evidenza è ByParent.com, il sito di incontri per genitori single in cerca di nuove emozioni.
ByParent.com, il sito di incontri per genitori single in cerca di nuove emozioni, disegna la «Geografia 2020 delle famiglie monogenitoriali in Italia», mettendo in evidenza come oggi il 16% delle famiglie italiane è di questa tipologia: l’81% (13%) composto da madri sole con uno o più figli ed il restante 19% (3%) composto da padri soli con uno o più figli.

E in appena 3 regioni, Lombardia (16%), Lazio (12%) e Campania (10%), si concentra il 38% dei nuclei monogenitore composti da madri con figli e che circa la metà di queste madri ha un’età compresa tra i 35 ed i 54 anni, con valori leggermente superiori al Centro-Nord rispetto al resto del Paese. Mentre solo il 26% è over 65.

Secondo quanto osserva ByParent.com, in Campania si registra il valore più elevato di giovani madri: con un 18% di madri single con meno di 25 anni. Mentre in Lombardia si registra una situazione inversa: qui ad essere del 18% è la percentuale di madri anziane (ultra ottantenni) con figli.

«Se parliamo poi di famiglie monoparentali con figli minori, in Italia ve ne sono un milione e nell’86% dei casi il genitore single è la madre» commenta Alex Fantini, fondatore di ByParent.com.

Volendo tracciare una graduatoria delle famiglie monogenitoriali, ByParent.com mette in evidenza che la regione dove è stata rilevata la percentuale maggiore è il Lazio, con il 21% di famiglie di questo tipo. «Nel Lazio ci sono il 17% di famiglie con donne sole con bambini, ben 4 punti percentuali sopra la media nazionale, ed il 4% di famiglie con uomini soli con bambini» puntualizza Alex Fantini.

Al secondo posto nella graduatoria di ByParent.com segue la Liguria con il 19%: il 16% di famiglie con donne sole con bambini (3 punti percentuali sopra la media nazionale) ed il 3% di famiglie con uomini soli con bambini, in linea con il dato nazionale. E così a seguire: Provincia Autonoma Bolzano 18,7% (15,7% donne e 3,0% uomini), Sardegna 18,4% (15,4% donne e 3,0% uomini), Campania 17,3% (14,3% donne e 3,0% uomini), Valle d’Aosta 16,6% (13,7% donne e 2,9% uomini), Friuli-Venezia Giulia 16,2% (13,2% donne e 3,0% uomini), Toscana 16,0% (12,8% donne e 3,2% uomini), Emilia-Romagna 15,9% (12,9% donne e 3,0% uomini), Piemonte 15,7% (12,4% donne e 3,3% uomini), Lombardia 15,5% (12,0% donne e 3,5% uomini), Abruzzo 15,5% (12,6% donne e 2,9% uomini), Umbria 15,4% (12,7% donne e 2,7% uomini), Marche 15,1% (12,3% donne e 2,8% uomini), Calabria 15,1% (12,4% donne e 2,7% uomini), Molise 14,7% (11,9% donne e 2,8% uomini), Provincia Autonoma Trento 14,4% (11,6% donne e 2,8% uomini), Veneto 14,3% (11,0% donne e 3,3% uomini), Sicilia 14,1% (11,3% donne e 2,8% uomini), Puglia 13,6% (10,8% donne e 2,8% uomini) e Basilicata 13,5% (11,0% donne e 2,5% uomini).

«Ma nonostante la sempre maggiore diffusione delle famiglie monoparentali, il genitore single ha ancora oggi maggiori difficoltà a conservare i rapporti sociali preesistenti o ad instaurarne dei nuovi e viene sovente escluso ed emarginato. Per questo ha un minore livello di resilienza difronte ad un evento quale può essere il lockdown voluto dal governo e si spiega così l’aumento di iscrizioni e di attività sul nostro portale» aggiunge Alex Fantini.

Per loro il lockdown è ancora più insopportabile e per riuscire a superare questo momento in molti hanno fatto ricorso a ByParent.com, un toccasana per ridurre lo stress: l’obiettivo principale è sempre stato quello di aiutare chi si trova a vivere una condizione di monogenitorialità: separati, divorziati, vedovi e ragazze madri.