Coronavirus: che fare

Diritti & Lavoro

Nell’inquietudine di una Pasqua di cui si sente  la Croce, e non si vede

La Resurrezione, che era attesa per la Pasquetta, ma che si dilata al 3 maggio,  si sviluppano riflessioni sullo stato della crisi virale che vede come punta dell’iceberg oltre 100 medici morti; dato questo che allarma per il numero e per la percezione delle difficoltà che abbiamo ad affrontare questa aggressione virale in Italia e non solo.

Obiettivamente a fronte dell’epidemia di Whuan, da più parti si è presa sottogamba la minaccia pandemica in un’epoca globalizzata dove come segnalavano le leadership lombarde 2500 cinesi stavano rientrando in Toscana e non solo come si è visto.

Ci sarà da riflettere anche sulla gestione della crisi e dei numeri che sono oscillati dai tentativi di minimizzarli, facendo pochi tamponi e solo ai sintomatici, mandando cosìin giro circa migliaia di contagiatori non sintomatici  non diagnosticati, per poi passare alla quarantena semitotale con non contagiati e contagiati nelle case spesso piccole e superinquinate in particolare nella pianura padana, invece di mandare tutti quelli che potevano nelle seconde case e negli alberghi in arte montane e marine di alta qualità dell’aria potenziando l’immunità infiacchita dall’inquinamento.

Sarebbe il caso di ripensare la caccia ai frequentatori delle seconde case opportunamente regolandola, come si faceva con le vecchie cure climatiche in particolare della tubercolisi

Come sarebbe il caso di allargare la base di diagnostica come hanno fatto i tedeschi…E rimettere a lavorare tutti i soggetti sani e lasciando in quarantena i Covid positivi

https://m.espresso.repubblica.it/attualita/2020/03/21/news/in-italia-il-virus-uccide-in-germania-no-1.345996?ref=HEF_RULLO

Oramai si va chiarendo l’assetto immunitario della risposta al corona virus e test anticorpale affidabili si vanno affacciando sul mercato, così sarebbe urgente fare milioni di test per liberare dalla quarantena anche tutti gli immunizzati

https://www.dottnet.it/articolo/30533/coronavirus-gli-anticorpi-si-sviluppano-in-10-giorni/?tag=10886910101&tkg=1&cnt=1L

In merito alla terapia e alla storia innaturale della malattia da COVID -19, un contributo viene dai Medici del fronte di Bergamo che di fronte alla Waterloo dei protocolli e linee guida, si vanno riappropriando del ragionamento clinico diagnostico terapeutico e ci propongono analisi dei dati anatomopatologici, clinici e terapeutici  di grande interesse, che ci riportano alla tradizione medica corrente. http://www.cimb.me/covid-19.html

Un contributo biotecnologico  alla diagnostica funzionale e alla guida alla terapia potrebbe venire dal sistema PROGNOS, di produzione tedesca e di concezione tedesco russa,  che può contribuire alla diagnostica dei virus presenti tra cui il COVID 19 (con una affidabilità del test in valutazione) e in particolare di selezionare i farmaci, dagli antinfiammatori ai gztroprotettori, agli antivirali agli antibiotici ai modulatori dell’immunità e dello stress oltre che i “nuovi” come CLOROCHINA egli altri messi in campo per contrastare l’infiammazione e il virus, con attenzione anche alle malfamate intolleranze alimentari, che in disordini intestinali e non solo giocano un ruolo importante .

Il tutto come supporto strumentale che valuta al momento l’effetto coerente o incoerente dei farmaci da somministrare e di rivalutarne l’azione in tempo reale a fronte di reazioni avverse sui vari sistemi gastrointestinale cardiocircolaforio respiratorio ecc, consentendo di precisare la terapia.

Dalle ricerche dell’ex Unione Sovietica ci giungono anche sistemi di radiofrequenza antivirali che usate in casa in questi giorn,i dove un raffreddore e un mal di gola genera allarme rosso, ci mostrano una certa potenza sintomatica di non facile interpretazione, ma che sarebbe il caso di testare oltre le credenze più o meno pseudoscientifiche .

Una policentrica internazionale è in pianificazione con gli aggiornamenti urgenti del software dei segnali dei farmaci da testare ai soggetti volontari in un progetto di ricerca controllato di stiamo  valutando i vari aspetti metodologici statistici ed etici.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3332228440124851&id=100000131826854

In questa Pasqua triste e quarantenizzata, un augurio di resurrezione per noi tutti e per le nostre Società che si auspica a ogni livello, possano imparare da questa quaresima virale e risorgere più forti e determinate a proteggere la salute come reale valore fondante di tutte le Costituzioni che troppo spesso sacrifichiamo sull’altare del vitello d’oro …

Vincenzo Valenzi

www.cimb.me