Il Sindaco di Sant’Angelo Le Fratte il primo a distribuire i buoni ‘coniate banconote’ per i bisognosi

Diritti & Lavoro

Giovanni Mercadante

Sindaco Michele Laurino

Anche il Sindaco di Sant’Angelo le Fratte Michele Laurino “conia” banconote per i bisognosi 

Da oggi è  iniziata la distribuzione  dei buoni spesa  per la somma  complessiva di circa  € 13.084,-  
 

Beneficiari i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid- 19.

La somma è stata  assegnata al Comune di Sant’Angelo le Fratte (Basilicata),  con ORDINANZA DEL CAPO DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE N. 658 DEL 29/03/2020.

La distribuzione dei buoni  è già in corso da oggi 10 aprile 2020, tramite il Vigile urbano Francesco Loisi.

La somma di € 140,- assegnata per ogni singolo componente della famiglia designata, è messa in busta chiusa sigillata con due  banconote da € 50,- e due da € 20,- da  impiegare per l’acquisto di alimenti.

Il Sindaco Michele Laurino ha colto  l’occasione per promuovere il suo bel Borgo creando le banconote; sono da 50 euro con sopra una immagine panoramica del Borgo di Sant’Angelo le Fratte Comune, capofila dei Borghi “BEL” , e  20 euro con sopra l’effigie di San Michele Arcangelo, Santo protettore del Comune di Sant’Angelo le Fratte.

“Anche questo – dice il Sindaco Michele Laurino – potrebbe essere un modo per far fronte alla crisi soprattutto dei piccoli Comuni; l’idea potrebbe valere   per il futuro ad una moneta complementare  per contribuire all’economia dei piccoli borghi.

Immaginiamo se ad un certo punto anche i turisti fossero, tra virgolette, obbligati a pagare con la banconota santangiolese. Si potrebbe ipotizzare addirittura di  sottoscrivere coi commercianti apposita convenzione di scontistica. Es. 10% di sconto in modo da consentire ai Comuni di recuperare ogni 100.000 euro, una somma  di € 10.000  che farebbe allargare la platea dei beneficiari dei buoni spesa.

Questa idea potrebbe essere uno dei tanti modi per far fronte alla crisi dei piccoli Comuni.

Inoltre, continua il sindaco Laurino – hanno aderito  5 esercenti locali dove far confluire i cittadini per gli acquisti di genere alimentari possessori dei buoni. L’impegno del Comune è stato di attivare da subito  la distribuzione della somma ricevuta senza  indugi.