Indagine su appalto Consip per l’emergenza sanitaria, arrestato un imprenditore

Cronaca

L’indagine riguarda gara da oltre 253 milioni di euro bandita d’urgenza per garantire l’approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale e apparecchiature elettromedicali

coronavirus appalto consip arresto

Guardia di Finanza GdF

Ordinanza di custodia cautelare in carcere per Antonello Ieffi, imprenditore di 42 anni, arrestato oggi dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, su ordine del gip capitolino, per i reati di turbativa d’asta e inadempimento di contratti di pubbliche forniture.

Dopo una denuncia della Consip, recepita dalla procura di Roma, gli accertamenti condotti dal Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Roma hanno portato alla luce serie di anomalie riscontrate nell’ambito della procedura di una gara, del valore complessivo di oltre 253 milioni di euro, bandita d’urgenza per garantire l’approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale e apparecchiature elettromedicali per il contrasto al coronavirus. ​