Riflessioni della Costituente Democratica Liberale

Diritti & Lavoro

Una giusta riflessione di un uomo che dedica il suo tempo prezioso tolto a volte alla famiglia è ha sempre dato il massimo e continuerà a darlo per una politica sana, vera passionale per il solo scopo di essere umile servitore delle istituzioni è al servizio della gente.

Roberto Loporcaro Anaclerio, segretario regionale della Puglia, consigliere nazionale, nonché responsabile della comunicazione del movimento politico del “Cdl Italia” rappresentante per la Puglia per gli “stati generali”.
La politica seria è onesta ha bisogno di persone comune come lui.

La presente solo per ricordare che solo oggi l’onda lunga di ciò che io e pochi altri andiamo diffondendo da tempo – L’Italexit- raggiunge tra le righe la massima Autorità dello Stato.

Al “sarà tardi” del Presidente mi sono commosso segretamente.
Questo suggella – ancorché in un quasi letale ritardo – che tutti gli anni di impegno in piccoli partiti in prima linea nel diffondere, già in tempi di pace, il fallimento del progetto europeo così come immaginato ad esempio da De Gasperi, assieme a La Pira miei mentori nell’attivismo che gratuitamente e da anni svolgo parallelamente alle quotidiane attività per una qualche sussistenza, hanno avuto un senso.
Ma quella di oggi è solo una amara, parziale vittoria.
L’esperienza seppur da non eletto ai tavoli politici, persino al Consiglio Regionale, mi insegnano che oggi incomincia la fase più difficile per quanti – come me – hanno sempre pensato all’uscita dall’euro non tanto per personale tornaconto ma in ossequio ad un impegno morale verso le prossime generazioni.

La mia diffidenza pertanto verso tutti gli eletti che solo oggi – sull’onda di un malcontento sempre più incontenibile – si apprestano a cavalcare è duplice.

In primo luogo perché la storia politica di tanti di loro dimostra di non avere il piglio se non della onestà almeno della coerenza.
In secondo luogo perché in questi cambi improvvisi di direzione intravedo già l’ombra dell’ennesimo tranello verso i votanti.
Perciò a tutti voglio dire: non fatevi ingannare, di nuovo.
Non tanto ora quanto alle prossime elezioni non conterà tanto chi solo oggi, ad incendio scoppiato nel fienile, paventa una fuga (eventuale) verso la operosa fattoria Italia.

Tanto i vecchi partiti politici quanto quelli rinominati con sempre i medesimi attori quanto gli pseudo-rivoluzionari e palesemente incompetenti- oltre che vergognosamente attaccati alla poltrona – non saranno quelli che potranno guidare l’italia ne nel dopo coronavirus ne tantomeno nell’Italexit.

Il rischio effetto Tsipras è di nuovo incombente.
Seguite ora e sempre non le belle parole o propositi.
Ora conta il curriculum, la linea politica degli anni passati E, non ultimo, la competenza cui mancanza nell’attuale esecutivo – le mascherine di pezza sono solo la punta dell’iceberg – ha inevitabilmente aggravato gli effetti della pandemia.

Io ho 44 anni e potrei non sopravvivere, ma se non ci sarò ricordatevi di queste parole e giurate non a me ma a voi stessi che dalle prossime votazioni- costi quello che costi- vi impegnerete a scegliere accuratamente i vostri rappresentanti politici secondo curriculum, linea politica, competenze, carisma.
Se non ne troverete, dovrete farlo voi.
Per ricostruire l’italia rispetto a quanto fatto sino ad oggi cento volte meglio dei soliti attori o di nuovi incompetenti ne carne ne pesce che vadano alle camere operai, imprenditori, artigiani, professionisti, militari persino.

Le Camere devono riprendere in mano le sorti del Paese riempite del mondo reale che conosce la vita fuori da quelle mura.
È finito per sempre il tempo dei grandi attori , dei voltagabbana e delle manicavento.
Lo dovete ai vostri figli, ai figli dei vostri figli, alle prossime generazioni .

Roberto Loporcaro
geometra, dirigente di impresa cooperativa ed ex militare dei corpi speciali.

-CDL ITALIA” Costituente Democratica Liberale ( costituentedemocraticaliberale@gmail.com )