Atti del convegno internazionale ‘La settimana Santa’

Cultura & Società

TARANTO – È già iniziata sul sito dell’Associazione «La veste rossa- Taranto», la pubblicazione degli atti del convegno internazionale che si è tenuto lo scorso 22 febbraio presso il Castello Aragonese di Taranto. Sono già disponibili, sul link dei convegni, le relazioni di Adelardo Mora Guijosa e di Jesùs Muros Ortega, tanto nella versione in lingua originale che nella traduzione in italiano (non letterale per via delle costruzioni grammaticali), ovvero i due ospiti spagnoli che hanno relazionato durante il convegno. Il primo ha trattato l’aspetto del riconoscimento di luogo di interesse internazionale, da punto di vista del confratello ed ex priore.

Il secondo, invece, come capo delle confraternite di Granada, ha colto l’aspetto più squisitamente economico commerciale. In entrambe le relazioni, comunque, si evidenzia come le tradizioni tarantine, grazie all’opera di questi anni dell’associazione sono apprezzate e conosciute, sia dal punto di vista tradizionale che sotto l’aspetto culturale.
Importante anche la lettera inviata a convegnisti e relatori scritta da Francesco Pugliese, amministratore delegato del CONAD, principale sostenitore dell’evento.

Le altre relazioni, saranno pubblicate sempre sul sito dell’associazione
www.lavesterossa.com man mano che giungeranno all’associazione che ha già sollecitato i relatori stessi a farle pervenire.E’ davvero importante il protocollo d’intesa sottoscritto tra la nostra associazione e la  Confederazione delle confraternite di Granada. Jesùs Muros Ortega, presidente della Reale Confederazione della Confraternite di Granada e Gigi Montenegro, presidente dell’Associazione “La veste
rossa – Taranto” hanno infatti firmato un documento nel quale impegnano le due organizzazioni ad uno scambio dei risultati degli studi e delle ricerche storiche che saranno effettuate dalle due organizzazioni. Si tratta della prima volta che ciò accade, in quanto prima era stato possibile solo realizzare qualche gemellaggio, che, come sempre, lasciano il tempo che trovano, traducendosi il più delle volte con uno scambio di auguri per le festività.

Questo documento, invece, supera il momento emozionale e si proietta invece, verso un importante scambio di informazioni. Ciò naturalmente vale anche per quel che riguarda la organizzazione di eventi di importanza rilevante per la promozione delle proprie tradizioni in altri ambiti. Infatti, non a caso, il presidente Jesùs Muros Ortega, ha già invitato a Granada per l’ottobre 2021 (la data precisa è ancora da stabilire) a parlare ed illustrare i riti della settimana santa di Taranto in occasione della riunione delle Confederazioni delle confraternite dell’Andalusia.

Sarà un momento assai importante per fare in modo che la storia più antica delle tradizioni tarantine, incontri e si faccia conoscere laddove l’evento settimana santa è diventato un evento internazionale.