Smart Working–serve con urgenza un adeguamento/modifica al dpcm 8 marzo 2020

Diritti & Lavoro

Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità.  Serve con urgenza un adeguamento/modifica al dpcm 8 marzo 2020. 

“Molti lavoratori con disabilità, purtroppo, non sono in grado di gestire il proprio lavoro da casa per questo motivo abbiamo inviato una richiesta al Governo affinchè venga modificato e/o integrato l’articolo 2 alla lettera S del DPCM 8 marzo 2020” queste le parole del Presidente nazionale della FAND – Prof. Nazaro Pagano a seguito delle tantissime segnalazioni ricevute, in questi giorni di profonda difficoltà e confusione, da parte di molti lavoratori disabili per i quali le misure relative allo SMART WORKING risultano essere inefficaci.

La proposta del Presidente FAND d’integrazione al DPCM del 8 marzo oppure da far rientrare nel prossimo Decreto è il seguente:

“Ai lavoratori pubblici e privati in situazione di handicap grave, riconosciuti tali ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legge n. 104/92, è concesso, a domanda, un periodo di congedo straordinario retribuito di cui all’art. 42, comma 5, della legge n. 151/2001, per tutta la durata dello stato di emergenza”