“Grazie a chi lavora nell’emergenza”

Diritti & Lavoro

L’Alta Val Seriana e Val di Scalve non si sono completamente fermate. Mentre la grande maggioranza dei cittadini ha risposto con senso di responsabilità agli inviti della Regione a restare a casa, allo stesso tempo diverse categorie professionali hanno continuato a prestare la propria opera per consentire di affrontare al meglio la difficile situazione. A tutte queste persone arriva un grazie particolare dalla presidente dell’Ambito 9 (afferente si 24 comuni dell’Alta Val Seriana e della Val di Scalve) Antonella Luzzana.

“Vorrei esprimere il mio grazie a tutte quelle persone – afferma Luzzana – che in questi giorni stanno continuando a prestare la propria professionalità per il bene del territorio. Medici, infermieri, farmacisti, operatori dei servizi (Adi – Assistenza domiciliare integrata – e Asa – Ausiliario socio assistenziale), assistenti sociali, cassieri: c’è un lungo elenco di persone che silenziosamente sta consentendo di affrontare al meglio quanto stiamo vivendo. Un grazie va anche ai numerosi volontari che in questi giorni stanno portando la spesa e i farmaci a domicilio delle persone anziane. In tanti Comuni c’è stata una risposta significativa. Grazie anche agli imprenditori che hanno chiuso o hanno limitato i contatti attraverso lo smart working. Importantissime anche le donazioni in denaro e di dotazioni per la sicurezza delle persone (mascherine e tute)”.

La situazione ha richiesto anche un supporto di tipo psicologico. “Abbiamo per questo attivato – spiega Luzzana – una linea gratuita a cui le persone si possono rivolgere in un momento di apprensione e solitudine”. Al telefono 034689616 o via e-mail servizisociali@comune.clusone.bg.it.

“Un ringraziamento anche alle persone che – conclude -, a fronte della scarsa disponibilità, si sono messe gratuitamente a cucire mascherine. Alle forze dell’ordine, agli amministratori e agli insostituibili volontari delle associazioni che operano sulle ambulanze. Insieme possiamo farcela”.