La Lagarde e quel porco lavoro

Economia & Finanza

È grottesco: tutti se la prendono con la “povera” Christine Lagarde, quando la Signora della Moneta sta facendo solo il suo porco lavoro. Un lavoro per cui non solo è lautamente pagata, ma che ha il dovere di portare a termine, se non altro per ragioni di coerenza. Non sbaglia lei, ma chi ha costruito un intero Sistema di regole, di valori, di rapporti economici e sociali basato sulla subordinazione coloniale degli Stati al Potere Bancario. Con buona pace delle piccate reazioni provenienti dal Colle più alto, la BCE e l’Unione non stanno facendo nulla diverso da ciò per cui sono state pensate e costruite.

Solo adesso che l’emergenza vi costringe ad aprire gli occhi lo scoprite. Mentre finora dormivate il sonno degli ignavi. Ma la colpa non è dei lupi che mangiano gli agnelli; è dei pastori che lasciano aperto, ai lupi, l’uscio dell’ovile. La colpa è di chi – cioè di quasi tutte le forze politiche attuali, di maggioranza e di opposizione –  senza batter ciglio ha non solo approvato, negli anni, ma esaltato addirittura i seguenti pilastri di un sistema criminogeno: 1) una moneta senza Governo e un Governo senza moneta, con il risultato di una Banca Centrale “Indipendente”: monopolista pura nella creazione di quel denaro di cui oggi il popolo (messo in congedo da un’epidemia) ha un disperato bisogno (articolo 3 del trattato di Maastricht);

2) una Banca Centrale “Indipendente”, con le funzioni di cui sopra, cui è permesso di inondare di liquidità i mercati e la finanza, gli squali delle borse e gli speculatori specializzati, ma a cui è tassativamente vietato concedere qualsiasi forma di “facilitazione creditizia” o di aiuto agli Stati (articolo 123 del Trattato di Lisbona; 3)  una “costituzione” europea basata su un egoismo istituzionalizzato, diabolicamente antitetico rispetto al principio solidaristico predicato dall’articolo 2 della nostra Costituzione (articolo 124 del Trattato di Lisbona: è proibito qualsiasi “accesso privilegiato” al credito e qualsiasi “aiuto” di uno Stato a un altro nonché dell’Unione a favore degli Stati;

4) un obbligo, costituzionalizzato, al pareggio di bilancio con la sostanziale impossibilità, per una Nazione, di fare deficit (cioè di immettere nuova liquidità nell’economia reale) salvo, in circostanze eccezionali, implorare “flessibilità” per accrescere debito e spread, armi predilette di ricatto dei “Mercati”; 5) il mostruoso nuovo MES: regalare soldi per poi chiederli in prestito, ove necessario, a carissimo prezzo. Per tutte queste ragioni, noi non riusciamo ad essere inviperiti con la Lagarde o la Von der Layen. Per quanto ci faccia ribrezzo la Von der Leyen quando, con viscida ipocrisia, imita il John Fitzgerald Kenney di Rudolph-Wilde-Platz  dicendo: “Cari italiani, in questo momento difficile, voglio dirvi che non siete soli (…). In questo momento in Europa siamo tutti italiani”.

No, amica mia, la verità è che noi siamo proprio soli, tu non sei Kennedy, e non sei neanche italiana. E se tu non provi vergogna, noi (che siamo italiani davvero) ci vergogniamo al tuo posto. Soprattutto della nostra classe dirigente. La quale ha avallato ogni singola tappa (giuridica) di quel lugubre viaggio che ha per capolinea il presente. Nel momento più buio per un popolo –  quello in cui si cerca disperatamente uno “Stato” – è ancora più atroce accorgersi che quello Stato non c’è.  Perché è “stato” venduto.

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com