Principale Politica Diritti & Lavoro Coronavirus, Conte parla nella notte alla nazione: «chiuse» Lombardia e 14 province.

Coronavirus, Conte parla nella notte alla nazione: «chiuse» Lombardia e 14 province.

“Inaccettabile confusione provocata da diffusione bozza”. Decreto coronavirus, Nord Italia blindato – Alle 2 del mattino il premier Conte comunica alla nazione il contenuto del decreto definitivo, e dichiara inaccettabile la diffusione della bozza circolata nella giornata di Sabato.

Coronavirus, il decreto dell’8 marzo: chiuse Lombardia e 14 province Il nuovo provvedimento del governo estende le zona controllate. Spostamenti bloccati, permessi solo in caso di emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri benessere, musei, centri culturali, cinema, teatri e stazioni sciistiche. Centri commerciali aperti solo dal lunedì al venerdì. 

Nel dettaglio, le province diventate “zona controllata” sono le seguenti: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Vercelli, Novara, Verbano Cusio Ossola e Alessandria. Tutte le nuove disposizioni sono valide da oggi fino al 3 aprile. Cosa prevede il decreto: come ci si deve comportare Ci si muoverà solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e spostamenti per motivi di salute, i controlli sono affidati alle forze di sicurezza.

Sono sospese manifestazioni, eventi, spettacoli di qualsiasi natura, compresi quelli cinematografici e teatrali, in qualsiasi luogo, pubblico o privato. Sospesa l’apertura dei musei. “Le forze di polizia – ha sottolineato il premier – saranno legittimate a chiedere conto ai cittadini che si muovono sui territori interessati dalle nuove norme per il contenimento del Coronavirus: è un divieto non assoluto di muoversi ma la necessità di motivarlo sulla base di specifiche indicazioni.

E’ insomma una ridotta mobilità“. In Lombardia e nelle 14 province interessate dal nuovo dpcm sul Coronavirus bar e ristoranti potranno stare aperti dalle 6 alle 18 purché garantiscano almeno un metro di distanza tra i clienti: la sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione; “Ci rendiamo conto che è molto severa ma non possiamo più consentire contagi”. Guarda la Diretta alla nazione nel cuore della notte 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.