Leo: “con pass laureati, 3.500 laureati pugliesi hanno avuto possibilità di frequentare un master

Cronaca

Con il nuovo avviso continuiamo il nostro lavoro a vantaggio dei meritevoli” 15 milioni disponibili e procedura a sportello per il secondo avviso

Pubblicati oggi, sul Bollettino della Regione Puglia, l’ultima finestra di Pass Laureati 2020 per la frequenza di master post lauream e la graduatoria relativa ai 561 beneficiari della finestra che va dal 19 settembre all’8 ottobre 2019.

L’avviso pubblico numero 2 “Pass Laureati 2020 – voucher per la formazione post universitaria” prevede una procedura a sportello che sarà attiva a partire dal 15esimo giorno successivo alla pubblicazione sul Burp e sino ad esaurimento risorse disponibili, salvo integrazioni finanziarie, pari a 15 milioni. Sono previste temporanee sospensione dell’invio delle domande in concomitanza con la pausa estiva (dall’1 al 31 agosto 2020) e le festività di fine anno (dal 08 dicembre 2020 all’8 gennaio 2021).

Con le precedenti edizioni di “Pass Laureati” sono stati erogati voucher per la frequenza di master post lauream, in Italia o all’estero, di cui hanno beneficiato circa 3.500 laureati. In considerazione del successo della misura, l’assessore all’Istruzione, alla Formazione, al Lavoro, Sebastiano Leo, ha voluto riproporre l’intervento per sostenere l’accrescimento delle competenze dei giovani neo-laureati pugliesi.

“Tra le misure di fine mandato ho fortemente voluto che ci fosse un’ultima finestra per “Pass Laureati” – afferma Leo – che nelle passate edizioni ha dato possibilità di alta formazione a migliaia di giovani laureati pugliesi. Con il nostro supporto hanno frequentato master, in Italia e all’estero, ampliando il loro bagaglio di competenze e conoscenze. Una scelta, la nostra, ragionata e mirata perché siamo certi che la chiave per un futuro professionale gratificante è nell’alta formazione. Una strada, questa, che apre scenari di crescita per la nostra regione perché solo con una maggiore qualità di prodotti e servizi, a cui deve contribuire anche la ricerca e per questo finanziamo i progetti delle università pugliesi, potremo competere in un mercato globale”.

Anche l’ultima finestra di “Pass Laureati” dà, ai giovani pugliesi che hanno conseguito la laurea triennale o magistrale o  del vecchio ordinamento, il beneficio di un voucher per la frequenza di master post lauream, in Italia o all’estero accrescendo, quindi, le proprie competenze realizzando grazie al perfezionamento professionale ottenuto con la partecipazione ad un percorso di alta formazione.

La misura proposta ai laureati pugliesi è coerente con la strategia “Europa 2020” volta ad una   crescita sostenibile, inclusiva, intelligente e sostiene, tra l’altro, azioni formative per la diffusione e l’utilizzo delle nuove tecnologie realizzate in coerenza con la propria strategia di specializzazione intelligente definita dalla Regione attraverso la SmartPuglia2020 che ha individuato le Tecnologie Chiavi Abilitanti (KETs) pugliesi più significative e l’Agenda Digitale Puglia 2020 per la promozione della crescita digitale e delle infrastrutture digitali.

Possono essere finanziati gli interventi di formazione a far data dalla presentazione dell’istanza, pertanto non sono ammissibili e rimborsabili spese sostenute per master già in corso di svolgimento, anche se le attività non sono state completamente svolte. Gli interventi formativi dovranno conclusi essere entro il termine del 31 dicembre 2022, compreso l’eventuale esame finale.

Possono fare richiesta del voucher i giovani laureati pugliese che risultino iscritti da almeno 2 anni nelle liste anagrafiche di uno dei comuni pugliesi, oppure i nati in Puglia che abbiano trasferito la propria residenza in un altro comune italiano da non più di 5 anni; non abbiano già fruito, a qualunque titolo, di borse di studio post lauream erogate dalla Regione; abbiano un reddito familiare non superiore a 30mila euro individuato esclusivamente sulla base dell’Isee in corso di validità al momento della presentazione dell’istanza.

Per quanto riguarda la copertura delle spese per viaggio, vitto e alloggio interregionali e transnazionali è stata individuata una cifra forfettaria che solleva i beneficiari dal dover presentare scontrini e fatture relativi alle spese sostenute. Le indennità interregionali sono differenziate a seconda della regione di destinazione in cui si svolge la formazione  e della regione di origine del beneficiario, mentre le indennità transnazionali sono quantificate in al Paese di destinazione.

Maggiori informazioni sono reperibili sul portale www.sistema.puglia.it, sulla pagina dell’avviso numero 2/FSE/2020.

Per quanto attiene alla graduatoria dei beneficiari della finestra V di “Pass Laureati” (dal 19 settembre all’8 ottobre 2019), sul Burp è stato pubblicato, oggi, “L’elenco complessivo delle istanze ammesse al contributo” che include 561 beneficiare per un finanziamento complessivo di  5.253.446,26 euro. (COM)