Economia & Finanza Si vuole un nuovo mostro?

Si vuole un nuovo mostro?

di Canio Trione – Economista

La maggiore banca italiana pensa di assorbire (non v’è altro e più adeguato termine) un’altra banca. Non si può non chiedersi alcune cose:

1 che soddisfazione “umana” v’è a controllare masse di danari così rilevanti? In cosa cambia la vita di una persona se aggiungi uno, due o tre zeri alla massa di danari amministrata? Sembra una questione degna dei migliori psicoanalisti.

2 un sistema bancario già gravemente alle prese con un biblico calo di redditività dovrebbe dedicarsi al salvataggio dell’esistente … a meno che non vi siano altri obiettivi non confessabili;

3 come si governa un mostro come quello che si prospetta se già quello che c’è si gestisce con affanno;

4 come si pensa che il sistema bancario italiano nel suo insieme possa funzionare coesistendo con una realtà così “ingombrante”?

5 nessuno, dico nessuno, si è premurato di pensare ai consumatori che vedono ridursi drasticamente la concorrenza tra fornitori di servizi e di credito, tanto meno ci si preoccupa delle pmi già schiacciate da decenni in un confronto ineguale con il sistema delle banche;

6 dove sono le autorità europee così pensose delle problematiche antitrust? Temono di pestare i piedi a qualcuno?

7 infine le domande più gravi: che senso hanno più le Istituzioni pubbliche e in questo caso, lo Stato, visto che una banca di questa portata è di gran lunga più forte e efficiente delle Istituzioni pubbliche? Anche in considerazione del suo ruolo in Bankitalia?

8 che accade se una banca estera scala la nostra super banca? Perdiamo ogni residua vitalità economica e finanziaria?

9 come si potrà salvare un mostro di questa dimensione se va in difficoltà? i contribuenti saranno chiamati a coprire un altro buco oltre quello pubblico e previdenziale???

Peraltro in tempi di spostamenti di sovranità e ruoli verso le autorità europee a cosa è destinato uno stato nazionale? Ai problemi etici e giudiziari che affliggono i suoi politici?

Sa la politica ancora esiste deve immediatamente imporre un cambio di rotta e procedere allo spacchettamento dei mostri esistenti di qualunque settore siano; e si deve pretendere che accada anche nei paesi partner europei. Ne va della sopravvivenza dell’intero sistema.  

Canio Trione
Articolo precedenteIl prof. Antonio Ruggiero dell’Oncologia Policlinico Gemelli di Roma
Articolo successivo“Il ladro di profumi”  di Pierfranco Bruni. Un romanzo incantevole appena uscito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui