Evento inaugurale rete della solidarieta’  2020

Benessere & Medicina

ALTAMURA – Venerdì 21 Febbraio 2020, alle ore 9,30  nella Sala del “Multicinema Teatro Mangiatordi” di Altamura si terrà  l’inaugurazione del Quarto anno della “Rete della Solidarietà” che vede in sinergia le Scuole di ogni ordine e grado con l’Associazione “Una Stanza per un Sorriso” al fine di fare prevenzione, divulgando corretti stili di vita tra i giovani, ”cittadini attivi” per un domani migliore.

La città di Altamura, avrà il privilegio di ospitare il Professor Antonio Ruggiero, direttore dell’Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelli di Roma, la Dottoressa Rossana De Feudis, Psicologa, Psicoterapeuta ed esperta in Psiconcologia, Chiara Centioni, regista del cortometraggio “Sansone” realizzato da Rai Cinema. Sono state invitate, inoltre, all’evento, diverse autorità politiche del territorio tra cui la Sindaca di Altamura Dott.ssa Rosa Melodia, il Sindaco di Gravina in Puglia dott. Alessio Valente, il Consigliere Regionale dott. Enzo Colonna e l’Assessore Comunale dott.ssa Claudia Stimola.

 La Rete della Solidarietà promossa dalla Dott.ssa Rosanna Galantucci, Presidente dell’Associazione  “UNA STANZA PER UN SORRISO”, in unione con il, capofila di rete, Prof. Biagio Clemente, Dirigente Scolastico del Liceo Statale Cagnazzi di Altamura e con la collaborazione di tutte le scuole che hanno sottoscritto l’accordo di rete, dalle scuole Primarie alle Secondarie di I e II Grado, offrono alla nostra cittadinanza l’occasione per parlare di prevenzione e tutela della salute, bene primario che i nostri studenti devono imparare a “custodire”.

Del coordinamento tra le varie istituzioni scolastiche si occupano la dottoressa Enza Laterza,  la dottoressa Grazia Calia e la dottoressa Annamaria Nardone, professioniste volontarie dell’Associazione “UNA STANZA PER UN SORRISO” che organizzano le nuove attività programmate per l’anno in corso, con l’ausilio del Gruppo Young (giovani attivisti volontari rappresentanti di una specifica sezione dell’Associazione).

Ancora una volta la scuola, luogo apicale di formazione, si apre al territorio, dando la possibilità agli studenti e alle loro famiglie, attraverso un percorso condiviso con i docenti, di avviare un’opera di sensibilizzazione alla ”tutela del benessere”, sotto ogni profilo.

 Si dà cosi l’avvio ad un nuovo anno scolastico che, in prosecuzione con gli anni precedenti, vedrà professionisti come: nutrizionisti, agronomi, biologi, psicologi, senologi, pediatri, ginecologi, chirurghi, radiologi, e dermatologi, impegnati in un’azione di volontariato, mirata a inculcare nei ragazzi, cittadini attivi e responsabili, corretti stili di vita. Lo scopo è quello di arginare malattie di natura oncologica, e non solo, attraverso la conoscenza degli argomenti oltre che la partecipazione attiva ad iniziative di solidarietà che permetta ai ragazzi di raggiungere un maggior grado di consapevolezza rispetto a determinati argomenti.

Perché come affermava il grande filosofo Mahatma Gandhi

“Il mestiere, l’arte, la salute e l’educazione dovrebbero tutti integrarsi in un unico insieme”

i apre in una nuova scheda)