Unicef/Taranto: il Marta apre le porte ai giovani del progetto Neet Equity

Formazione, Scuola & Università

L’Appuntamento è il 15 febbraio, sala “Incontri” del Museo Archeologico Marta – via Cavour 10- Taranto

Il Laboratorio Urbano di Partecipazione (LUP) dell’UNICEF Italiafa tappa al Museo Nazionale Archeologico Nazionale di Taranto, grazie a un proficuo accordo di collaborazione. Taranto al 19° posto su 107 con il 33,4% di NEET, giovani inattivi. 

Nel luogo simbolo di Taranto la città è invitata a dar prova di cittadinanza globale a sostegno dei giovani. Punti fermi saranno: persone, solidarietà, visione e bene comune. 

Sabato, 15 febbraio, alle ore 9,30, fino alle 12,30 nella sala “Incontri” del Museo Archeologico Marta – via Cavour 10- i ragazzi e le ragazze del Progetto NEET Equity, la rete già aderente e la comunità attiva si confronteranno e individueranno politiche attive e inclusive per la generazione definita “disimpegnata”. 

Il Laboratorio Urbano: “spazi di concertazione territoriale”, di ascolto e partecipazione dell’intera comunità, rientra tra le azioni del progetto NEET Equity – selezionato dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale nell’ambito dell’Avviso “Prevenzione e contrasto al disagio giovanile” (ID 189/Avviso Disagio) il cui obiettivo è quello di migliorare la capacità di un territorio nel costruire politiche attive partecipate a favore della inclusione dei giovani e della riattivazione dei giovani NEET, cioè dei giovani che non studiano, non lavorano e non seguono alcun percorso di formazione. 

Il LUP a Taranto è VIAGGIANTE/ITINERANTE, per creare quelle connessioni identitarie e di appartenenza necessarie con i luoghi più significativi della città, ha cadenza mensile, e accompagna i giovani nell’attività di formazione in comunicazione sociale per contro-narrare i luoghi comuni territoriali “ Qui non c’è futuro; bisogna andar via per trovare lavoro etc…”; un racconto e una visione diversa e possibile solo attraverso la conoscenza dei modelli positivi che nascono e crescono attorno a loro e l’attivazione di strumenti progettuali e programmatici permanenti. 

Taranto, scelta con Carbonia e Napoli come provincia di intervento è al 19° su 107 province italiane con il più altro indice di NEET, con un’incidenza del 33,4% sulla popolazione cittadina giovanile; si tratta di un dato emerso dalla ricerca “Il silenzio dei NEET. Giovani in bilico tra rinuncia e desiderio” che ha visto coinvolti in focus group: studenti, associazioni, amministrazione locale, università, enti di terzo settore e stakeholder del territorio. In tal modo si è raggiunto un primo step del progetto, avviato nel mese di marzo 2019: aumento del grado di conoscenza e di informazione sul fenomeno dei NEET; un lavoro di confronto che ha permesso di individuare i giovani “disimpegnati” e “non” che attraverso la formazione e l’azione di volontariato sociale saranno il motore trainante per intercettare e coinvolgere quei ragazzi e ragazze che non studiano, non lavorano, non si formano. Saranno presenti le ragazze e i ragazzi aderenti al progetto, le scuole coinvolte sono l’Istituto Cabrini e Archimede.Con preghiera di diffusione. Distinti saluti.

Programma laboratorio urbano di partecipazione NEET EQUITY UNICEF 

➢ Saluti

              Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Taranto dott.ssa Eva Degl’Innocenti

              Coordinamento nazionale Progetto NEET Equity UNICEF dott.ssa Virginia Meo

➢ Avvio dei lavori

             Coordinamento territoriale  Progetto NEET Equity Taranto Tiziana Magrì

➢ Presentazione del progetto del Museo Archeologico Nazionale di Taranto: “La mappa di comunità della città per riscoprire l’identità del paesaggio culturale di Taranto: alla ricerca di un nuovo modello di partecipazione”
➢ Autopresentazione dei partecipanti
➢ Per diventare INNOVATORI DEL PROPRIO TEMPO. I giovani change-makers  Progetto NEET  intervistano  modelli positivi
• Ben 54 – cantautore 
• Bianca Maria SCARINCI- ceramista e tessitrice
• Giuliano RICCIARDI   industrial designer
• Marco CAPANI  consulente innovatore tecnologico
➢ Brain/Write-storming su idee e azioni necessarie a sostengo dei giovani  disimpegnati.  

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI