L’Associazione Perbrindisi precisa

Sport & Motori

 L’Associazione Perbrindisi,  facendo seguito agli ultimi avvenimenti societari e alle conseguenti  rimostranze di parte della tifoseria,   precisa che quanto oggi emerso era stato più volte dalla stessa messo in evidenza provvedendo   a   sollecitare   gli   altri   Soci   a   trovare   una   soluzione.   E,   a   dire   il   vero,   come   da   noi   stessi precedentemente comunicato, le varie parti si stavano adoperando per risolvere radicalmente le problematiche in atto.

Infatti il gruppo brindisino, rappresentante il 45% delle quote  societarie,  aveva proposto al gruppo campano, rappresentante il 50 %, due diverse soluzioni, con l’ingresso in società di altrettanti imprenditori.   Queste soluzioni, però, purtroppo, non si sono  realmente concretizzate, in quanto non completamente gradite dalla V&V.

Nel frattempo,  mentre  il gruppo campano, Bassi e la  Perbrindisi, continuavano a coprire economicamente le proprie quote, il possessore del 25%, per problemi personali, è venuto meno agli impegni assunti ad inizio campionato, mandando involontariamente in difficoltà l’intero gruppo brindisino non più in grado di garantire per il  45%.

Il passare del tempo non ha fatto altro che aumentare le emergenze societarie e logistiche, portando   il

Presidente Vangone a proporre a tutti i Soci la ricapitalizzazione della S.S.D. Brindisi F.C..

In un primo momento questa operazione non è stata vista di buon occhio dalla totalità dei Soci brindisini in quanto, con gli antefatti di cui sopra, di fatto questa  soluzione avrebbe portato all’esclusione del Socio possessore del 25%, che non avrebbe potuto adeguarsi all’aumento di capitale, e quindi si sarebbe creato un forte disequilibrio tra le varie compagini societarie.

Ma, visto che nonostante un certosino lavorio da parte di tutti, non si è riusciti a trovare alternative valide,  la totalità del gruppo brindisino, insieme all’Associazione Perbrindisi, ponendo come obiettivo unico e solo  il bene del calcio a Brindisi, ha accettato la ricapitalizzazione.

Nel frattempo la V&V, gruppo Vangone,  ha proposto l’ingresso di un nuovo Socio il quale entrerebbe a far parte della S.S.D. Brindisi F.C., su sua richiesta, con il 40% delle quote societarie.

Sempre per il bene del Brindisi calcio, sia il gruppo Bassi, che Giannelli, si sono resi disponibili a ridimensionare consistentemente le proprie quote mettendole a disposizione del nuovo potenziale socio. Se tutto procederà come da accordi verbali, a brevissimo dovrebbe avvenire il passaggio delle quote e si potrà ripartire con nuova energia per meglio rivedere il presente e programmare serenamente il futuro.

Il gruppo brindisino si augura che tale disponibilità nel mettere a disposizione le proprie quote a chi attualmente  è potenzialmente  economicamente  più  forte,  potrà  essere  ricambiata  qualora  sarà  il  gruppo brindisino a proporre una situazione vantaggiosa per il calcio Brindisi

L’Associazione Perbrindisi precisa, inoltre, di avere sempre onorato i propri impegni  economici assunti con l’acquisizione del 5 % delle quote societarie fino ad oggi, così ci risulta abbia fatto il gruppo Bassi. Questo per rettificare quanto erroneamente espresso dalla compagine campana, ossia che da ottobre è l’unica a coprire quanto necessario per il campionato in corso.

Si aggiunge, altresì, che questa Società in quattro anni  è passata da un  campionato di Prima Categoria all’attuale di serie  D, con problematiche estremamente diverse.

Ciò vuol dire che dopo questo tempo di   frenesia ha ora bisogno   di una normale fase di assestamento, da

ritrovarsi, appunto, nel campionato in corso. E’ questo, infatti, un anno, così sin dall’inizio dichiarato, con l’obiettivo di una tranquilla salvezza, anche in relazioni alle altre squadre egregiamente allestite per vincere il campionato.

Rimane, per completare quanto innanzi esposto, il pensiero portante dell’Associazione Perbrindisi:               IL MIGLIOR MODO PER VINCERE LA GUERRA E’ QUELLO DI INIZIARE INSIEME A VINCERE LE BATTAGLIE.