Emiliano a Brindisi incontra personale e pazienti di strutture sanitarie

Diritti & Lavoro

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, è stato oggi a Brindisi per una serie di incontri presso l’istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) “Medea” e la casa di cura “Salus”. In entrambe le strutture ha incontrato una delegazione di operatori sanitari, di lavoratori e di dirigenti. Agli incontri hanno partecipato anche il sindaco Riccardo Rossi e il consigliere regionale e presidente della Commissione Sanità, Giuseppe Romano. La situazione del privato accreditato, dei tetti di spesa, dell’organizzazione sanitaria regionale che vede prossima l’uscita definitiva dal piano operativo è stata al centro delle discussioni. In particolare all’istituto “Medea” di Brindisi il presidente Emiliano ha incontrato una delegazione di genitori di bambini ricoverati.  Successivamente a Mesagne Emiliano ha visitato la struttura “Centro studi medici”. “Oltre un certo tetto di pagamenti alle strutture private – ha detto Emiliano rivolgendosi ai genitori dei piccoli pazienti dell’Irccs Medea– non possiamo andare. Si tratta di una regola assurda che differenzia le strutture private del nord da quelle del sud: perché se invece voi andate a Milano possiamo pagare oltre quel tetto a un privato, cosa che non posso fare a un privato pugliese. 

Dobbiamo rimuovere quel tetto, perché se lo rimuoviamo, per me pagare un privato in Puglia o a Milano è la stessa cosa. Questa regola serve solo a tenere il Sud piccolo piccolo. Se il tetto fosse libero, tutte le grandi società private verrebbero in Puglia e i sistemi sanitari lombardi o veneti potrebbero essere in difficoltà. Stiamo cercando di mettere insieme tutti i soggetti di eccellenza che io chiamo della sanità pubblica che è di proprietà privata per lanciare una battaglia per rimuovere questo tetto. Se non ci riusciamo, l’alternativa sarà fare la guerra giudiziaria”.

http://rpu.gl/zx7JT