Movie on – Viaggio nel mondo del cinema

Diritti & Lavoro

Avviato  il primo appuntamento al Liceo Scientifico e Linguistico di Altamura

Giovanni Mercadante

Tavolo relatori

foto di copertina. da sinistra: Preside Giovanna Cancellara –Prof. Luigi Abiusi – Cons. reg. Enzo Colonna – Sindaca avv. Rosa Melodia 

Viaggio nel mondo del cinema:  primo appuntamento martedì  scorso 28 gennaio 2020 al Liceo Scientifico e Linguistico Federico II, al cui incontro svoltosi nella biblioteca dell’Istituto, hanno partecipato il prof. Luigi Abiusi docente dell’Università del Salento, la sindaca avv. Rosa Melodia,  il Cons. reg. Enzo Colonna e Salvatore Cagnazzi uno dei  primi cine-amatori altamurani, pioniere della televisione locale TeleAppula e nel contempo collaboratore di TeleBari.

Era prevista la presenza di Giuseppe Armenise ex proprietario dell’omonimo cinema di Bari e l’attore Sergio Rubini, ex alunno del Liceo.

Ha fatto gli onori di casa la preside prof.ssa Giovanna Cancellara.

Prof. Luigi Abiusi

 

Il prof. Luigi Abiusi, di Altamura, critico letterario, cinematografico, musicale e scrittore, dirige la rivista di cultura letteraria e cinematografica “Uzak.it”; si occupa di letteratura e teoria del cinema presso l’Università di Bari.
È professore a contratto presso l’Università del Salento in cui insegna Cinema, fotografia, televisione; insegna Letteratura italiana contemporanea presso l’Istituto Universitario per Mediatori Linguistici “Carlo Bo” di Bari. Conduce corsi di cultura e critica letteraria e cinematografica tra Milano, Roma, Bari. Inoltre, dirige per la fondazione Apulia Film Commission l’omonima rassegna di cinema internazionale.

Insomma, un profilo professionale molto corposo. Nel suo intervento ha dimostrato  ampie  capacità di comparare le sue esperienze spaziando dal concetto di ontologia (concetto filosofico dell’essere) ai film del neorealismo.  Le immagini davanti alla macchina da presa –  ha commentato – non vengono solamente registrate, ma vanno anche create di volta in volta. Nel secondo dopoguerra il cinema era davanti ad un bivio, se puntare sulla fantascienza o sul realismo.

La partecipazione dello spettatore non deve essere intesa come una presenza fisica passiva, perché le immagini trasmettono emozioni che interagiscono durante le sequenze filmiche attraverso il linguaggio dialogico e musicale.

Tutto tende verso un’opera d’arte. Non a caso L. Abiusi  ha citato più volte poeti e scrittori  che hanno fatto grande la letteratura internazionale, come il tedesco   Friedrich Nietzsche e l’austriaco Ludwig Wittgenstein.

E anche qui un altro discernimento filosofico rivolto alla poesia, la cui produzione concorre  molte volte alla realizzazione di film in quanto espressioni artistiche.                    

Salvatore Cagnazzi, altamurano, pioniere del cinema e poi della televisione locale TeleAppula, è stato ben felice di  portare la sua ricca testimonianza esperienziale. Il suo curriculum è lungo e denso. Ha collaborato con  registi di grosso calibro tra cui Ermanno Olmi, Pierluigi Ciriciaci cnot col nome d’arte Frank Valenti; ha progettato il sistema tridimensionale; ha collaborato con l’Università di Bari  nel campo della chirurgia per l’impianto  didattico Tredimed;  ha realizzato un film in 3D sull’uomo arcaico di Altamura insieme con la figlia Tina.

Con l’occasione S. Cagnazzi ha presentato la macchina da proiezione, restaurata da lui, data in omaggio dall’impresa di costruzione Lorenzo Giordano al Liceo scientifico e linguistico. Detta macchina fu acquisita  con il complesso del cinema Armenise di Bari, il cui proprietario pensava di disfarsene.

La donazione è stata fatta dalle figlie dell’imprenditore: Nunzia, Concetta e Marianna legali rappresentanti dell’impresa, presenti durante la conferenza.

L’attrezzatura, pezzo storico progettata dall’ing. Zambrini di Bari e poi commercializzata dall’ing. Angiolo Fedi di Milano,  è stata resa funzionante grazie anche la disponibilità della famiglia Grande, dell’omonima sala cinematografica altamurana, che ha contribuito a consegnare a S. Cagnazzi dei pezzi di ricambio.

Dalla platea si è fatta avanti la giovane studentessa Elena Savino che ha ringraziato i relatori per le  loro interessanti relazioni, manifestando il proprio compiacimento soprattutto per  l’accostamento che è stato fatto dal prof. L. Abiusi al contributo che dà la letteratura in generale e la poesia come fonte d’ispirazione per ogni genere artistico. Innamorata di molte discipline (teatro, recitazione, letteratura)   ha dichiarato che   si è  sentita gratificata  nell’ascoltare la  ricchezza di spunti che  la poesia produce  nel cinema.

In questo progetto cinema, che prevede il ciclo di altri cinque incontri, la formazione didattica è assegnata al prof. Luigi Masiello  che accompagna i ragazzi con una serie di cineforum, in cui si racconta la storia del cinema dal 1900 al 1930. A questa formazione possono partecipare studenti anche di altri istituti.

movi – Salvatore
 
                          A destra la studentessa Elena Savino
In primo piano le sorelle Nunzia e Concetta Giordano
Prof. Abiusi